Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!
Aleteia

Quando serve davvero l’antibiotico?

SICK, GIRL, MEDICINE
Ilike | Shutterstock
Condividi

Un errore molto comune consiste nel dare al proprio bambino un antibiotico in caso di febbre solo perché lo si è già utilizzato in passato con successo: ecco come orientarsi.

di Leonardo Vallesi e Francesca Calò Carducci

Gli antibiotici sono farmaci in grado di ridurre o impedire la crescita batterica. Non è facile distinguere un’infezione virale da un’ infezione batterica perché i sintomi sono spesso simili: febbre, stanchezza, malessere, dolori ossei e muscolari diffusi. Mentre nel caso delle infezioni batteriche gli antibiotici sono preziosi e insostituibili strumenti di guarigione, nel caso delle infezioni virali non contribuiscono in alcun modo alla guarigione e alla risoluzione dei sintomi. Quando un bambino presenta sintomi come quelli elencati è indispensabile la visita del pediatra per stabilire se bisogna dare l’antibiotico e per decidere quale usare. Un errore molto comune e molto grave consiste nel dare al proprio bambino un antibiotico, in caso di febbre, solo perché lo si è già utilizzato in passato con successo. Ogni episodio infettivo è diverso e necessita di una specifica valutazione pediatrica.

Come per tutti i farmaci, è possibile che il loro utilizzo si associ ad effetti collaterali (per esempio dolori addominali, inappetenza, diarrea, reazioni allergiche, ecc.): per questo motivo è molto importante utilizzarli solo quando è strettamente necessario. Una volta che il medico ha scelto l’antibiotico adeguato, l’importante compito del genitore sarà quello di far assumere correttamente il farmaco al bambino, rispettando le adeguate modalità di somministrazione e di conservazione.

Il dosaggio

Bisogna ricordare che il bambino non è un piccolo adulto e che per ogni antibiotico esiste un dosaggio appropriato in base al tipo di infezione e al peso corporeo. Rispettare l’orario di somministrazione è fondamentale per garantire l’efficacia dell’antibiotico. Inoltre, è fondamentale proseguire la terapia per tutto il periodo prescritto dal pediatra: mai sospendere l’antibiotico solo
perché sono scomparsi i sintomi!

La conservazione

È necessario conservare il farmaco rispettando l’adeguata temperatura indicata sulla confezione: a temperatura ambiente oppure in frigorifero. È inoltre necessario evitare un’eccessiva esposizione alla luce, che potrebbe ridurre l’efficacia del farmaco.
Una volta finito il ciclo di terapia è bene smaltire adeguatamente il farmaco residuo se il trattamento non ha richiesto una confezione intera.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO SUL MAGAZINE MULTIMEDIALE A SCUOLA DI SALUTE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni