Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 09 Maggio |
Santa Louise de Marillac
home iconSpiritualità
line break icon

Natale è la gioia incontenibile di una promessa che si realizza

CAROL

Yiorgos GR|Shutterstock

don Luigi Maria Epicoco - pubblicato il 24/12/19

Il canto di Zaccaria è un canto di gioia incontenibile: quella gioia che rompe il silenzio, che è testimonianza e una speranza che diventa realtà. Eccolo, il senso del Natale: una promessa realizzata. Quel Dio che conosciamo nel nostro cuore viene davvero: cantiamo anche noi la nostra gioia!

Zaccaria, suo padre, fu pieno di Spirito Santo, e profetò dicendo: «Benedetto il Signore Dio d’Israele, perché ha visitato e redento il suo popolo, e ha suscitato per noi una salvezza potente nella casa di Davide, suo servo, come aveva promesso per bocca dei suoi santi profeti d’un tempo: salvezza dai nostri nemici, e dalle mani di quanti ci odiano. Così egli ha concesso misericordia ai nostri padri e si è ricordato della sua santa alleanza, del giuramento fatto ad Abramo, nostro padre, di concederci, liberati dalle mani dei nemici, di servirlo senza timore, in santità e giustizia al suo cospetto, per tutti i nostri giorni. E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell’Altissimo perché andrai innanzi al Signore a preparargli le strade, per dare al suo popolo la conoscenza della salvezza nella remissione dei suoi peccati, grazie alla bontà misericordiosa del nostro Dio, per cui verrà a visitarci dall’alto un sole che sorge per rischiarare quelli che stanno nelle tenebre e nell’ombra della morte e dirigere i nostri passi sulla via della pace».

Luca 1,67-79

Ci sono cose che ti tolgono letteralmente la parola e cose che te la ridonano. Perdere la parola è quasi sempre dovuto all’incapacità di capire fino in fondo quello che si sta vivendo, riaverla invece è frutto di una gioia inaspettata che sblocca quella paralisi della testa e del cuore, smuovendo così anche la lingua. Zaccaria perde la parola perché alle parole di Gabriele non aveva creduto e aveva contrapposto ad esse i suoi limiti. Ma quando le parole di Gabriele diventano reali, quando quelle parole si fanno cronaca, allora Zaccaria non può che tornare a fidarsi della cosa giusta, torna ad avere parole giuste al momento giusto. Credo che a poche ore dal natale la nostra situazione sia uguale. Tante cose in questo anno c’hanno tolto la parola, forse perché le abbiamo vissute a partire dai nostri limiti e fidandoci solo di essi, invece ora che il Natale è alle porte, Dio ci domanda di accogliere Qualcuno che se la cava meglio dei nostri limiti e delle nostre forze. Se faremo spazio a Lui, allora troveremo per questo nuovo anno parole nuove, forze nuove, direzioni nuove, così come canta Zaccaria:

“Così egli ha concesso misericordia ai nostri padri e si è ricordato della sua santa alleanza, del giuramento fatto ad Abramo, nostro padre, di concederci, liberati dalle mani dei nemici, di servirlo senza timore, in santità e giustizia al suo cospetto, per tutti i nostri giorni”.

Zaccaria ripercorre tutta la storia della salvezza riuscendo ad intuire il filo rosso che collega le cose. Sarebbe bello riuscire anche noi a intuire il filo nascosto che unisce quello che abbiamo vissuto, e così comprendere che Dio non spreca nulla di tutto quello che ci capita. E che la maniera migliore per capire le cose è esserne comunque grati, essere capaci di dirlo ad alta voce di raccontarlo come meglio crediamo. Zaccaria canta, e mentre canta la sua gratitudine, ne capisce anche il senso. La gioia è l’esperienza di vedere diventare fatto ciò che si è sempre è solo sperato nel cuore. Tra poche ore questa sarà l’esperienza di ciascuno di noi.
#dalvangelodioggi

Tags:
vangelo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
TAMING TRIPLETS
Annalisa Teggi
Resta incinta mentre era già incinta: sono nate 3 bimbe e stanno ...
2
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Gelsomino Del Guercio
Gesù e la lettura del Vangelo. Così Celentano “converteR...
5
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Mar Dorrio
Come trarre profitto spirituale dai momenti negativi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni