Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il premio per chi è grato: la felicità

HAPPY WOMAN
By AstroStar | shutterstock
Condividi

La gratitudine è fondamentale per la salute emotiva delle persone, affermano gli scienziati

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

La gratitudine crea sempre un atteggiamento positivo nei confronti della vita, e genera un modo di essere che rende chi è grato una persona piacevole con cui tutti vogliono stare.

Le persone grate rendono la vita più felice agli altri e sono a loro volta più felici. Chi è grato non perde il coraggio nei momenti difficili, né è ingenuo di fronte alle ingiustizie o rassegnato, ma stando sempre attento di fronte al male ha lo sguardo posto su ciò che è più importante, verso un orizzonte più grande e pieno di speranza.

Le persone grate hanno un cuore più grande. Chi non fa che lamentarsi non si gode niente, e in generale gli ingrati rendono la propria vita e quella altrui più triste e difficile. Chi invece con un sano realismo vede ciò che non va lotta per cambiarlo, ma non smette di ringraziare, non perde la gioia.

I benefici dell’essere grati

1

Prendersi il tempo per riflettere sulla propria vita ringraziando permette di vedere con occhi nuovi tutta la vita. Una memoria grata ci fa vedere meglio, ci aiuta a non affogare nel presente e ad ampliare il nostro orizzonte.

Studi di psicologia scientifica delle università di Chicago e della California concludono che la gratitudine ha effetti molto positivi sulla salute e i rapporti interpersonali. Di fatto, cambia il clima familiare e lavorativo, perché essere grati pubblicamente migliora il benessere di chi ringrazia e di chi riceve la gratitudine.

Gli esperti considerano la gratitudine determinante per la salute emotiva delle persone.

I maestri spirituali del cristianesimo insegnano che aiuta molto stilare una lista di tutto quello per cui si deve essere grati nella vita. Leggendola cambia la prospettiva, e scopriamo quanto viviamo chiusi in quello che fa male anziché guardare oltre.

Riconoscenza: gioia e umiltà

La riconoscenza rende evidente la nostra dipendenza dagli altri con profonda gioia, perché le cose più imporanti della vita non le abbiamo comprate né conquistate per merito nostro. Tutto ciò che abbiamo e che siamo lo abbiamo ricevuto da altri. La lingua che parlo, la casa in cui sono cresciuto, l’amore che ho ricevuto, le cure che mi hanno dato… tutto è venuto da altri e gratuitamente.

È l’orgoglio a non permetterci di vederlo e di ringraziare, quello stesso orgoglio che non ci fa essere felici e festeggiare per tutto quello per cui dobbiamo ringraziare.

Chi è grato accetta di non essere l’origine del proprio essere, e sa bene quanto ha ricevuto dagli altri. La gioia deriva soprattutto dal fatto di sapersi amati, perché se non è merito nostro allora ci hanno amati solo per gratuità. L’amore non umilia – amplia il cuore e lo spinge al ringraziamento e alla gioia profonda di vivere.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni