Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 25 Giugno |
San Giovanni Battista
home iconStile di vita
line break icon

Suicidio: cosa fare per evitare il tragico epilogo

ESTOY BIEN

Estoy bien - Cortometraje

Dolors Massot - pubblicato il 23/12/19

A Natale si acuisce il senso di solitudine e disperazione di molti. Come aiutare chi soffre di disturbi mentali che possono portarlo al suicidio?

Secondo dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), ogni anno circa 800.000 persone si tolgono la vita. È una cifra terribile, che porta le amministrazioni pubbliche a chiedere una maggiore presa di coscienza relativamente alla salute mentale.

800.000 persone sono tantissime – equivalgono all’intera popolazione di città come San Francisco, Indianapolis, Chihuahua, Frankfurt, Amsterdam o Cracovia.

La salute mentale continua ad essere un tabù radicato di cui si parla poco. Dire che soffriamo o abbiamo sofferto di depressione o crisi di ansia suscita ancora rifiuto.

In molti contesti lavorativi, la pressione è tale che i lavoratori non osano confessare sintomi di depressione o che si stanno curando per paura di essere licenziati, e questo contribuisce ad aumentare la tristezza e la frustrazione, insieme a insonnia, angoscia e ansia. Risultato: la persona affonda in una depressione ancor maggiore.

ESTOY BIEN
Estoy bien - Cortometraje

Le reti sociali possono essere ingannevoli

Questo contrasta con l’apparenza che conta tanto sulle reti sociali, e può essere compatibile con selfie sorridenti su Facebook o Instagram.

Anche nelle famiglie, il suicidio è spesso una bomba che scoppia senza che nessuno se lo aspetti, e lo stesso vale nella cerchia di amicizie.

Apparentemente, la persona che si è suicidata “stava bene”, o almeno così diceva.

L’importanza di creare legami di fiducia

Per combattere il suicidio, è fondamentale creare legami di fiducia. Bisogna stabilire un clima tale da far sì che la persona che sta soffrendo sia in grado di aprirsi e spiegare cosa le accade e come si sente dentro.

A Natale, molte persone sentono la solitudine in modo più marcato. Non hanno nessuno, e la tentazione di disperare è maggiore.

  • 1
  • 2
Tags:
suicidio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
4
saint paul
Giovanni Marcotullio
La Santa Sede contro il ddl Zan: è caso diplomatico
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
COUPLE GETTING MARRIED
Gelsomino Del Guercio
Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livo...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni