Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 24 Novembre |
Santi Andrea Dung Lac e 116 compagni
home iconChiesa
line break icon

Un sacerdote deve accompagnare spiritualmente chi sceglie l'eutanasia?

Dj Fabo, che ha scelto l'eutanasia, e si è lasciato morire in Svizzera

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 22/12/19

Dibattito aperto e opinioni diverse tra i vertici della Chiesa. Tra chi sostiene che non bisogna abbandonarlo al suo destino e chi invece ritiene che alcuni sacramenti non debba riceverli

Una persone che sceglie l’eutanasia può essere accompagnata spiritualmente da un sacerdote?

«Siamo contro il suicidio assistito perché non vogliamo mai fare il lavoro sporco della morte», ha specificato qualche giorno fa monsignor Vincenzo Paglia, presidente della Pontificia Accademia per la Vita,

«Per un credente la vita continua oltre la morte: ma non solo per un credente, per tutti – ha precisato Paglia – accompagnare e tenere per mano chi muore è un grande compito che ogni credente deve promuovere, così come il contrasto al suicidio assistito», ha aggiunto.

PRESS CONFERENCE
Antoine Mekary | ALETEIA | I.Media
Monsignor Vincenzo Paglia

Paglia: il Signore non abbandona mai nessuno

«Io faccio sempre i funerali a chi si suicida», ha rivelato Paglia: «Il suicidio è una grande sconfitta nostra, perché è sempre una domanda d’amore inevasa. Il Signore non abbandona mai nessuno. Per la Chiesa cattolica, se uno afferma che Giuda sta all’inferno, è un eretico». «Quella di chi si toglie la vita è una sconfitta nostra, una sconfitta di tutta la società, ma non di Dio», ha rimarcato il presidente della Pontificia Accademia per la Vita: «Se è vero che ognuno di noi è figlio di Dio, può una madre abbandonare suo figlio?» (Agensir, 12 dicembre).

Eijk: il sacerdote non deve essere presente

Public Domain

Il cardinale Willem Jacobus Eijk

Alla Catholic News Agency il cardinale Wilhelm Eijk, arcivescovo di Utrecht, in prima linea in Olanda contro eutanasia e suicidio assistito dà una lettura più radicale dell’approccio con una persona che sceglie eutanasia e suicidio assistito.

Eijk afferma che «il sacerdote non deve essere presente quando queste pratiche vengono eseguite. Infatti, la presenza del prete potrebbe dare a intendere che il sacerdote appoggia la decisione del paziente o suggerire che eutanasia e suicidio assistito non sono moralmente illeciti in alcune circostanze».


LOVE DISABILITY

Leggi anche:
“Fosse esistito il suicidio assistito, l’avrei chiesto. Ma sono così grato non fosse un’opzione”

I sacramenti che “non possono essere amministrati”

Il cardinale non nega la possibilità di accompagnare spiritualmente il paziente che decide di suicidarsi, ma elenca tre motivi per cui «il sacerdote non può amministrare i sacramenti della confessione e dell’estrema unzione ai pazienti che li richiedono».

«Innanzitutto una persona può ricevere i sacramenti solo quando si trova in buona disposizione e questo non è il caso di chi vuole opporsi all’ordine della creazione, violando il valore intrinseco della vita. Il secondo motivo è che una persona che riceve i sacramenti mette la propria vita nelle mani misericordiose di Dio. Ma chi vuole porre fine alla propria vita vuole invece prendere la vita nelle proprie mani. Infine, il sacerdote che amministra i sacramenti o prepara il funerale della persona in queste circostanze si rende responsabile di uno scandalo, dal momento che le sue azioni possono suggerire che il suicidio o l’eutanasia sono permessi in certe circostanze».

Il legame con “malattie psichiatriche”

Questo non significa, continua l’arcivescovo di Utrecht, che non sia possibile celebrare il funerale di una persona che ha deciso di farsi uccidere con l’eutanasia, ma il sacerdote deve «giudicare in modo prudente se l’eutanasia o il suicidio assistito siano il frutto della depressione o di malattie psichiatriche. In questi casi la libertà della persona è diminuita e anche il porre fine alla propria vita non può essere considerato un peccato mortale» (Tempi.it, 20 dicembre).




Leggi anche:
Ebrei, cristiani, islamici uniti contro eutanasia e suicidio assistito

Tags:
eutanasiasuicidio assistito
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
KSIĄDZ PRZY OŁTARZU
Padre Bruno Esposito, OP
Breve ‘Vademecum’ per la nuova edizione del M...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
TEENAGER
Tom Hoopes
I 7 doni dello Spirito Santo rispondono a 7 n...
Giovanni Marcotullio
Vi spieghiamo perché la Messa comincia con il...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni