Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 26 Settembre |
Santi Cosma e Damiano
home iconStile di vita
line break icon

Famiglie affidatarie: fai entrare un figlio nella tua vita e…

family

Sunny studio|Shutterstock

Patricia Navas - pubblicato il 21/12/19

Intervista alla segretaria di “Familias para la Acogida”: quella che accade accogliendo un bambino è una rivoluzione familiare

Accoglienza temporanea, d’urgenza, per le vacanze, accoglienza che diventa adozione… ci sono mille modi per accogliere, e tutte le famiglie possono farlo. Lo afferma Elena Marigorta, madre di due figlie biologiche e due figli in affido e segretaria dell’associazione Familias para la Acogida.

In questa intervista rilasciata ad Aleteia, afferma che l’affido arricchisce moltissimo e lancia un invito audace: “Fate entrare un figlio nella vostra famiglia, così cresceremo tutti”.

Qual è l’aspetto migliore dell’accoglienza?

L’affido arricchisce a livello personale, ma anche la coppia e la famiglia. Significa aprire la propria casa e il proprio cuore ad altre persone che, diciamo così, non sono previste; non è una gravidanza o l’idea di riuscire ad avere un figlio, ma aprire la propria casa a una persona che arriva, che non si sa quanto tempo resterà, non si sa com’è… non si sa nulla! E anche loro ti accolgono, ti arricchiscono.

Da dove traete la vostra forza?

Ci rafforziamo soprattutto accompagnandoci. L’associazione esiste per questo. Ci sono gruppi in cui ci uniamo per cenare e dipendiamo gli uni dagli altri. C’è una rete di famiglie interessate all’accoglienza.

Qual è la parte più difficile?

Non avere pregiudizi. Non avere una propria idea: “Vorrei che fosse così…” Il figlio arriva com’è, ed è quello che bisogna accogliere.

È una persona estranea alla propria famiglia naturale, con tutte le sue problematiche, tutta la vita già vissuta, anche se è un bambino piccolo.

E si tratta di essere aperti alla storia che porta, con la sua famiglia biologica, i suoi ricordi… Nel nostro gergo parliamo di “zaino carico”.

Non si può dire “Non importa, io gli darò questo o quello…” Lo portano e bisogna conviverci, e molte volte è difficile.

A volte si può dire “Non capisco perché fa questo”. Guardate il suo zaino e capirete.

Chiunque può accogliere?

Sì. È come se mi venisse detto: qualsiasi famiglia può avere dei figli? Ciò che accade è che viviamo in un momento di grande comodità, siamo molto egoisti. Viviamo tutto “alla carta”: voglio un figlio, ho il mio schema, la mia idea, e sono abituato a metterla in pratica.

Delle figlie biologiche di una famiglia di accoglienza ormai adulte spiegano come sono cresciute in questa esperienza, dei genitori che hanno appena accolto qualcuno condividono le loro speranze, una coppia con esperienza che oggi ha 20 figlio spiega le terribili adolescenze passate che però sono valse la pena…

Si tratta di mettere al primo posto il bene dei bambini tutelati. La cosa naturale è crescere in famiglia, non in un istituto.

Nessuno può dire che non ci siano problemi, vivrebbe in un mondo irreale, ma anche quei problemi aiutano a maturare, a crescere, a fidarsi.

Le mie figlie, ad esempio, sono affettivamente più mature di altre ragazze della loro età, perché hanno vissuto esperienze che altri non hanno vissuto, e questo arricchisce.

Rispetto ai figli biologici, non si tratta solo di condividere i genitori. Grazie ai figli accolti, ci si relaziona meglio con i propri figli biologici, abbiamo imparato ad essere genitori migliori con tutti. Già solo per questo i figli biologici dovrebbero essere grati.

L’accoglienza disarma. Una delle mie figlie più grandi dice che quando si accoglie ha luogo una rivoluzione familiare. Rivoluziona a tutti i livelli, non solo fisico (mettere a dormire il bambino, condividere…), ma anche emotivamente. È una persona che non si conosce affatto e che all’improvviso diventa parte del proprio cuore.

Come incoraggiare ad accogliere?

Le famiglie che accolgono sono quelle che incoraggiano meglio. La nostra associazione dà loro voce nei quattro eventi pubblici che organizziamo ogni anno.

Tags:
affidofamiglia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
3
SLEEPING
Cecilia Pigg
7 modi in cui i santi possono aiutarvi a dormire meglio di notte
4
Gelsomino Del Guercio
Scandalo droga e festini gay con il prete: mea culpa del vescovo ...
5
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa contro la Chiesa “parallela” in cui si bestemmia l’azione...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni