Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 26 Novembre |
Santa Caterina d'Alessandria
home iconFor Her
line break icon

Viviamo il Natale non come frenetiche lucine, ma come candele accese

CANDLE

Ann Yuni|Shutterstock

Martha, Mary and Me - pubblicato il 19/12/19

Pazienza, silenzio, tepore e quella fiducia che ci fa resistere a ogni folata di vento avverso: viviamo il Natale come candele accese, non come frenetiche lucine a intermittenza, che accecano invece di far vedere, disponibili per brevi intervalli, incantevoli solo per un attimo.

Siamo sfavillanti, vogliamo a tutti i costi lasciare il segno, come quei profili Instagram con le foto di quelle ragazze che chiacchierano e ridono sugli Champs Elysees, tutte strass, mini abitini e stivali alla Cat Woman (che, parliamoci chiaro, io a Capodanno di solito ho il maglioncino con la renna e la cuffia a forma di albero di Natale, campanellini e puntale quindi sono già senza speranze pure se Photoshoppo dietro gli Champs).

Insomma incantevoli, ma per un attimo.
Siamo come le luci ad intermittenza dell’albero di Natale: carine i primi 5 minuti, insopportabili, sparaflashanti ed da esaurimento già dopo la prima mezz’ora. Simpatici come 200 lucette led che ti trapanano direttamente il cervello (la retina se n’è già andata, così come ogni speranza di riuscire ancora a leggere la novena a Santa Lucia per riacquistare la vista). Siamo come le lucine in saldo già al 3 dicembre: paghi uno, perdi tre retine. Disponibili ad intermittenza, perché abbiamo troppo da fare per fermarci a fare quattro chiacchiere con la nonnetta di turno. Sfavillanti ed accecanti al tempo stesso, troppo pieni di noi e di quel far apparire tutto perfetto per preoccuparci veramente di quello che conta, per farci deboli, per far risaltare la luce di qualcun altro. Muniti dei quattro colori standard, perché andare contro corrente, conto la massa, ci isola e ci fa apparire cristiani bigotti. Tutti in serie, perché la macchina del consumismo non si ferma neanche a Natale, e dobbiamo correre e sfrecciare verso chissà quale meta, chissà quale scopo. Sempre pronti a gridare più forte la nostra verità, come le scritte sui balconi: che sia però qualcosa che tutti accettano, qualche slogan approvato, meglio se femminista o love is love.


MANJORN

Leggi anche:
Gesù non arriva con la spedizione Amazon Prime: ci vuole tutto un Avvento!

Ma in tutto questo luccicare, mi chiedo dove sono finite le candele? Quelle antiche luci dal sapore ancestrale che non ti martellano pulsando a ritmo di trap? Quelle che hanno lo stesso nostro respiro, che tremano ad ogni sospiro, ad ogni folata d’aria. Che si stagliano sottili nel buio della stanza o ti incantano con la loro danza al più piccolo spiffero. Forse sarebbe il caso di riaccenderle ogni tanto, di ricordarci di respirare con loro. Di ricordarci che non è tutto uno “sparaflashare più veloce degli altri”, “accecare lo sguardo di qualcuno prima che lo conquisti la luce di qualcun altro”.

Almeno un momento prendetelo per voi, prendetelo per respirare davvero.
Un po’ di pace per fermarsi un momento e stagliarci un po’ più in alto del solito. Un po’ di buio attorno a noi per affinare gli occhi e dare un senso all’oscurità. Un po’ di silenzio per permettere a quella luce di crescere senza essere spenta dal nostro stesso affanno. Un po’ di umiltà per accettare il sacrificio di chi attorno a noi si carica del nostro futuro e si fa nostro “stoppino”, bruciando un po’ di sé per permetterci di brillare. Un po’ di gratitudine per chi tutti i giorni si fa cera, e senza che ce ne accorgiamo, ci dona tante piccole gocce di sé, senza chiedere niente in cambio, solo per l’amore di starci vicino. Un po’ di pazienza, per accettare gli spifferi che ci fanno danzare. Soprattutto ricordarci che se non ci spegniamo ad ogni folata di vento, è grazie alla mano invisibile di quel “Qualcuno” che anche se non ce ne accorgiamo sa da dove tira il vento e ogni volta stende la mano per proteggerci.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DAL BLOG MARTHA,MARY AND ME

Tags:
avventonatale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
WSZYSTKICH ŚWIĘTYCH
Gelsomino Del Guercio
8 modi per aiutare e liberare le anime del Pu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni