Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 26 Novembre |
Santa Caterina d'Alessandria
home iconFor Her
line break icon

Nel buio che resta è sbocciata la gioia, "E' Natale, Anna, fai Natale!"

NATIVITY PLAY

alecea | Flickr CC BY 2.0

Piovono Miracoli 2.0 - pubblicato il 19/12/19

Grazie ad una semplice recita di Natale alla scuola elementare finalmente il cuore si è aperto, di nuovo. Le condizioni sono le stesse, il buio rimane ma si offre spazio alla speranza. Perché Gesù nasce comunque!

di Anna Mazzitelli

Montagne di libri letti con attenzione o solo sfogliati, addirittura sottolineati, in parte trascritti, ore di ascolto di catechesi con le cuffiette nelle orecchie, richieste di sostegno a destra e sinistra, anche un po’ a caso, a dire il vero, dialoghi infiniti con mio cognato, invocazioni e preghiere non hanno potuto quello che ha potuto l’assistere alla recita di mio figlio Giovanni, l’altro pomeriggio.

Era almeno un mese e mezzo che le mie giornate erano costellate dal pianto.

Novità?
No, perché io sono una che piange facilmente, ma anche sì, perché raramente piango di disperazione e di dolore, le mie lacrime sono sempre agrodolci, sono sempre un misto di sofferenza e gioia, di amarezza e gratitudine.

Nel periodo appena trascorso, invece, sono state solo lacrime amare.

Non riuscivo a uscire da un buio pazzesco che si era formato attorno a me, e poco contano le cause di questo buio, perché non sempre quando esco dal buio vuol dire che ne ho risolte le cause, la maggior parte delle volte la realtà resta tale e quale, ma il Signore mi prende per mano, così che il buio faccia meno male, e io riesca a percepire che in fondo a quel buio c’è una luce, la Sua luce.

Stavolta non riuscivo nemmeno ad andare a tastoni, l’unica cosa che ero in grado di fare era piangere.

Fino a martedì scorso.

Giovanni, seconda elementare, recita di Natale con la classe.

Grazie a Dio esistono ancora scuole che permettono di mettere in scena la nascita di Gesù, maestre che credono nel presepe e genitori che si fanno in quattro pur di aiutare perché tutto sia perfetto.
Giovanni è capitato nella classe giusta, che martedì scorso mi ha salvato dal mio buio.
Le maestre hanno allestito nel cortile del palazzo vescovile di Frascati una piccola Betlemme, con pastorelli accanto al fuoco (Giovanni era uno di loro), venditori di frutta e di pane, bottega della pasta fresca con una bimba che impastava e stendeva a suon di mattarello un’immaginaria sfoglia, un’altra bimba che mescolava una invisibile zuppa dentro un paiolo più grande di lei.




Leggi anche:
Sapete perché San Francesco decise di realizzare il primo presepe della storia?

In questa cornice due bambini, Giuseppe e Maria, in silenzio e con un sottofondo di musica dolce, andavano di postazione in postazione a chiedere ospitalità, e i gesti eloquenti dei compagni facevano loro capire che non potevano essere accolti.

Il peregrinare di Giuseppe e Maria è durato pochi minuti, tra i flash delle mamme presenti e i suggerimenti della maestra.

E le mie lacrime.

All’improvviso mi sono ritrovata a piangere lacrime enormi, e ho sentito che non erano più lacrime di disperazione, ma di gioia, di gratitudine, di croce e letizia insieme.

Guardavo questi due bambini che andavano avanti e indietro e pensavo a Giuseppe e Maria che venivano scacciati da tutti, senza cattiveria, forse solo con indifferenza, con superficialità, perché nessuno aveva chiaro che stava per cambiare la storia, che stava per nascere il figlio di Dio. Pensavo che dopo aver trovato solo porte chiuse, Maria si è rifugiata in una stalla, e che Gesù è nato comunque.

Pensavo, come mi ha detto una persona ieri, che Gesù nasce sempre.

Malgrado le difficoltà, le cose che ci impediscono di accoglierlo, malgrado i nostri bui, le nostre fatiche, le nostre lacrime. Gesù nasce sempre.

Ed è stato in quel momento che sono diventate vere le parole del mio Don lontano: “E’ Natale, Anna, fai Natale!”

Ma che vuol dire? Non lo so bene, in realtà, eppure quanto è vero, e quanto funziona!

Quanto funziona mettersi nella condizione di essere raggiunti dall’amore di Dio. Perché, voglio tenerlo a mente, voglio tenerlo con me, Dio non ci molla, non ci abbandona, ci tiene stretti.

Il resto lo hanno fatto la cappellina per l’adorazione, in cui mi rifugio ogni volta che posso, e i messaggi amici che ho ricevuto ieri, che però erano tali e quali alla cappellina e ai messaggi ricevuti nell’ultimo mese e mezzo.

I miei occhi, erano diversi. Il mio cuore non era più impermeabile.

Perché le persone che ho accanto -lo scrivo perché voglio tenere a mente anche questo- sono segno visibile, in carne e ossa, della presenza di Gesù, Dio fatto uomo, e attraverso di loro l’amore di Dio mi ha finalmente raggiunto, mi ha preso per mano, e mi ha indicato dove sta la flebile luce dentro al mio buio, che c’è ancora, non posso negarlo, ma non mi fa più così paura come fino a qualche giorno fa.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO SUL BLOG PIOVONO MIRACOLI

Tags:
avventonatalesperanza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
WSZYSTKICH ŚWIĘTYCH
Gelsomino Del Guercio
8 modi per aiutare e liberare le anime del Pu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni