Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 26 Novembre |
Santa Caterina d'Alessandria
home iconSpiritualità
line break icon

Cosa ci insegna una famiglia considerata “senza speranza” sul vero significato del Natale?

THE BEST CHRISTMAS PAGEANT EVER

RicOrnelProductions | A.D. Players at the George | Flickr CC BY-ND 2.0

Philip Kosloski - pubblicato il 19/12/19

“The Best Christmas Pageant Ever” contiene una lezione profonda per tutti

Ci sono molti libri, opere e film cristiani che cercano di arrivare all’essenza del Natale. Un libro sorprendente che viene spesso messo in scena come spettacolo o musical è The Best Christmas Pageant Ever, di Barbara Robinson.

Barbara Robinson | Harper Collins

Si tratta di un approccio umoristico alla tradizione annuale presente in molte chiese di avere uno spettacolo natalizio messo in scena dai bambini, cosa che viene realizzata da comunità sia protestanti che cattoliche e in cui l’innocenza affascinante dei bambini emerge chiaramente, unita alla difficoltà dei piccoli a mantenere il silenzio.

L’aspetto diverso di The Best Christmas Pageant Ever è che si concentra su un gruppo di bambini di una famiglia, gli Herdman, che non hanno mai ricevuto il messaggio evangelico. Gli Herdman sono visti dalla comunità locale come la famiglia peggiore del circondario, ma attraverso una serie di eventi iniziano a frequentare la scuola domenicale, e finiscono per assumere i ruoli principali dello spettacolo natalizio.

Tutti si aspettano che sia lo spettacolo di Natale peggiore di sempre, e invece accade qualcosa di miracoloso.

Gli Herdman sono molto colpiti dalla storia natalizia, e arrivano a quello che conta davvero. Vedono il Natale con lenti senza filtri, e la loro innocenza infantile brilla.

Uno degli aspetti più interessanti della storia è come gli Herdman ritraggono i Magi. Dovrebbero portare oro, incenso e mirra, e invece portano un prosciutto.

“Era un prosciutto – e ho capito subito da dove veniva. Mio padre faceva parte del comitato caritativo della chiesa, che a Natale distribuiva ceste di cibo, e quello era il prosciutto del cesto degli Herdman. Aveva ancora intorno il fiocco che augurava Buon Natale”.

Se portare il loro prosciutto natalizio potrebbe sembrare ad alcuni irriverente, è stato il loro dono onesto. Per gli Herdman, “un prosciutto era un regalo migliore di molto olio profumato”.

Si sono comportati come se fossero stati davvero lì quella notte di Natale e stessero cercando di far fronte alle necessità pratiche di un bambino lasciato senza un tetto degno sulla testa.

Il prosciutto era il regalo di Natale più grande che potessero offrire, visto che si trattava di una famiglia molto povera senza altro da donare. Anziché tenerlo per sé volevano darlo a Gesù.

Sorprendentemente quel prosciutto, pur essendo un dono che fa sorridere, offre lo spunto per una meditazione perfetta sul Natale, che dovrebbe farci esaminare la nostra vita e il modo in cui approcciamo il Natale.

Diamo tutto a Gesù? Cerchiamo di aiutare i poveri e i bisognosi con doni pratici che possano essere davvero utili al momento del bisogno?

Gli Herdman erano una famiglia difficile e ferita, ma è stato attraverso questa loro situazione che sono riusciti a ricevere il vero significato del Natale e ad accostarsi alla mangiatoia con l’innocenza dei bambini.

Non dimentichiamo la loro lezione, e cerchiamo di vedere la bellezza del Natale con i loro occhi.

Tags:
libronatale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
WSZYSTKICH ŚWIĘTYCH
Gelsomino Del Guercio
8 modi per aiutare e liberare le anime del Pu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni