Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!
Aleteia

Arriva la febbre e anche il dilemma: paracetamolo o ibuprofene?

BABY, FLU
Sharomka | Shutterstock
Condividi

Gli antipiretici hanno lo scopo di ridurre il malessere quando la febbre è molto alta: ecco quando vanno somministrati.

Di Antonino Reale e Luigi Bellante

I farmaci contro la febbre hanno anche un’azione antidolorifica ed antinfiammatoria. In particolare, hanno lo scopo di ridurre il malessere quando la febbre è molto alta o di ridurre i dolori che a volte si accompagnano alla febbre, come ad esempio il mal di testa, il mal d’orecchio, i dolori muscolari e alle articolazioni, che tipicamente compaiono in corso di malattie virali.
Se il bambino, pur avendo la febbre alta, è a proprio agio e non presenta manifestazioni dolorose, può non risultare necessario somministrare antipiretici.

Paracetamolo e ibuprofene: cosa serve sapere

In caso di sintomatologia legata alla febbre, ci sono due farmaci in commercio per uso pediatrico, il paracetamolo e l’ibuprofene.
Entrambi i farmaci sono disponibili in diverse formulazioni: sciroppo, compresse, supposte. Il paracetamolo è disponibile anche in gocce. La soluzione orale è sempre da preferire, tranne evidentemente in caso di vomito. Il dosaggio va calcolato esclusivamente in base al peso e mai all’età del bambino.
Vanno sempre rispettati gli intervalli di somministrazione di 6 ore per il paracetamolo e di 8 ore per l’ibuprofene. Gli eventuali effetti avversi sui vari apparati e organi dei due antipiretici sono sovrapponibili. Per motivi legati al meccanismo d’azione dell’ibuprofene, l’effetto collaterale gastrointestinale è basato su un meccanismo chimico e quindi non dipende dall’assunzione o meno del farmaco a stomaco pieno. Anzi, la somministrazione a stomaco pieno ne può diminuire l’efficacia perché viene rallentato l’assorbimento.
Per quanto riguarda la sicurezza, bisogna avere cautela nell’utilizzare l’ibuprofene in caso di disidratazione perché in questo caso ci potrebbe essere un aumento del rischio di problemi di natura renale.
In conclusione, paracetamolo e ibuprofene sono farmaci di scelta nel trattamento quotidiano della febbre e del dolore nel bambino, con un’efficacia comparabile ma leggermente superiore per l’ibuprofene nelle prime ore. L’ibuprofene è più efficace sul dolore rispetto al paracetamolo e i due farmaci hanno una sicurezza comparabile.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO SUL MAGAZINE MULTIMEDIALE A SCUOLA DI SALUTE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni