Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Si può lodare “troppo” Maria?

BLESSED Virgin Mary
Aaron Amat | Shutterstock
Condividi

Può essere che noi cattolici corriamo il rischio di “esagerare” nelle lodi alla Madonna? Un vescovo risponde

Monsignor Antônio de Castro Mayer (1904-1991), vescovo emerito di Campos (Rio de Janeiro, Brasile) e fondatore dell’Unione Sacerdotale San Giovanni Maria Vianney, rispone a chi si chiede se noi cattolici non corriamo il rischio di “esagerare” nelle lodi alla Vergine Maria.

Bisogna spiegare un aspetto fondamentale: lodarla non vuol dire adorarla, visto che Maria non è Dio e solo a Dio spetta il culto di adorazione. Maria viene lodata da noi con lo specialissimo culto dell’iperdulia, una lode più grande di quella che prestiamo agli altri santi, ma che non è e non può essere adorazione.

Dopo questo chiarimento fondamentale, diamo la parola a monsignor Castro Mayer:

“’De Maria numquam satis‘ (‘Quello che si dice di Maria non è mai sufficiente’), dicono i santi. Non si deve dire ‘basta’ nelle lodi a Maria Santissima. Non dobbiamo temere di renderle culto in modo eccessivo.

È sempre molto inferiore a quello che merita. Non è per eccesso che la nostra devozione nei confronti di Maria è manchevole, ma quando è sentimentale ed egoista. Ci sono devoti di Maria che si commuovono fino alle lacrime, e nel frattempo si adattano, senza scrupoli, all’immodestia e alla sensualità dominanti nella società odierna. Senza imitazione non c’è autentica devozione mariana.

Consacriamo davvero a Maria Santissima la nostra intelligenza e la nostra volontà, con la mortificazione della nostra sensibilità e dei nostri gusti, e Lei si prenderà cura della nostra ortodossia.

Qui elucidant me vitam aeternam habebunt‘ (‘Quelli che mi illustrano avranno vita eterna’; Ecclesiastico 24,31), dice la Chiesa di Maria. Chi si occupa di farla conoscere e onorare avrà la vita eterna”.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni