Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il monastero costruito nel Monte delle Tentazioni, dove si dice che Gesù sia stato tentato dal diavolo

Fr. Gaurav Shroff|Flickr|CC BY-NC-ND 2.0
Condividi

Il monastero greco-ortodosso della Tentazione di Gesù è stato costruito nel IV secolo

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

Il Monte della Tentazione, che sovrasta il deserto della Giudea, è secondo la tradizione la montagna su cui Gesù venne tentato dal diavolo durante il suo digiuno di 40 giorni. Costruito sulla sua ripida parete rocciosa c’è il monastero greco-ortodosso della Tentazione di Gesù.

Come riporta la Scrittura in Matteo (4, 1-11), Luca (4, 1-13) e Marco (1:12-13), Gesù venne condotto nel deserto dallo Spirito Santo per essere tentato dal diavolo. Dopo aver digiunato 40 giorni e 40 notti, venne avvicinato dal tentatore, che lo sfidò tre volte – a trasformare una pietra in pane, a gettarsi dalla montagna e ad accettare l’offerta di tutti i regni del mondo in cambio della sua fedeltà.

La montagna di 365 metri è anche nota come Monte Quarantania, Jabal al-Qarantal in arabo. Il nome deriva dal latino “quarantena”, che indica il 40, numero dei giorni del digiuno di Gesù.

Monaci ed eremiti hanno vissuto all’interno delle grotte del Monte della Tentazione fin dai primi tempi del cristianesimo. Nel 340, sul sito delle rovine asmonee, un monaco di nome San Caritone fondò un monastero chiamato Laura di Douka, sul Monte della Tentazione. Il monastero, costruito trasformando le grotte in celle e cappelle, venne distrutto durante l’invasione persiana nel 614.

Nel Medioevo migliaia di monaci ed eremiti andarono a vivere nel deserto della Giudea come aveva fatto Gesù.

Il Monastero della Tentazione di Gesù è stato ricostruito nel XIX secolo dal Patriarcato greco-ortodosso. All’interno del monastero c’è una scala che porta alla roccia che secondo la tradizione segna il punto in cui Gesù era seduto quando venne tentato dal diavolo. La roccia fa parte dell’abside della cappella della Tentazione.

Il Monte della Tentazione, che sovrasta la valle del Giordano, offrendo una splendida vista del Mar Morto e delle montagne di Moab e Gilead, si trova a circa 5 chilometri da Gerico, nella West Bank. La vetta può essere raggiunta con una passeggiata di mezz’ora lungo un ripido sentiero che corre accanto al monastero. Dagli anni Novanta, i visitatori possono anche salire sulla montagna con una funivia da Gerico. Situata in una zona della West Bank sotto il controllo palestinese, Gerico è a 25 minuti di macchina da Gerusalemme.

Il Monastero della Tentazione di Gesù è aperto a uomini e donne (a differenza di alcuni siti gestiti dalla Chiesa greco-ortodossa) dalle 9.00 alle 13.00 o alle 15.00-16.00 nei giorni feriali, e dalle 9.00 alle 14.00 il sabato.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni