Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Ecco cosa dice il Corano sugli angeli del Natale e la Madonna

ANGEL
Public Domain
Condividi

Il versetto 45 riporta l’annuncio della concezione miracolosa di Gesù: “Gli angeli dissero: “O Maria, ecco che Dio ti annuncia un Verbo da parte sua…”

Anche il Corano, il libro sacro per eccellenza degli islamici, che lo considerano rivelato a Maometto dall’angelo Gabriele in persona, e che ritengono il Cristo un grande profeta ma nulla di più, pure parla degli angeli della Natività.

Il versetto 42 della sura 3 ricorda il saluto degli angeli al momento dell’annuncio:

“Maria, certo Dio ti ha eletta e purificata. Ti ha eletto sopra le donne dei mondi.[O Maria sii devota al Signore, prosternati e inchinati con quelli che s’inchinano] (2, sura 3,37).

St. Cecilia
St. CeciliaSimilar to Agnes, Lucy and Agatha, Cecilia was a noble maiden of the 2nd century who dedicated her virginity to God. She was forced to marry but protected by a guardian angel, who helped preserve her purity. Eventually she was put to death for her Christian faith and is popularly known as the patron saint of music for her musical skills. It is also said that she frequently heard melodies from Heaven.

Maria e gli angeli

Questo saluto è uno dei rari passi del corano nei quali si scopre un’influenza di Luca. Il versetto 45 riporta l’annuncio della concezione miracolosa di Gesù: “Gli angeli dissero: “O Maria, ecco che Dio ti annuncia un Verbo da parte sua: il suo nome è l’Uno, Gesù figlio di Maria, illustre nella vita presente e nella futura, e uno degli approssimati [a Dio] (2, sura, 3,42).

Maria chiede agli angeli: “Come potrò avere un figlio quando nessuno uomo mi ha toccata?” (2, sura 3,47). E riceve la risposta: “Così sia. Dio crea ciò che vuole; quando decide una cosa, dice solo: “Sii” ed è” (3, sura, 3,47). Nella sura 19 figurano dei versetti che sono più espliciti a proposito di ciò che accade al momento dell’annuncio e del concepimento.

“Sono un inviato del Signore”

Il Corano afferma dapprima che Maria si ritira lontano dalla famiglia in un luogo orientale. Dio allora interviene: “Noi le inviammo il Nostro Spirito, che per lei si fece simile a un uomo” (7, sura 19,17). L’annuncio, questa volta è il seguente: “Io sono un inviato del Signore per donarti un figlio puro” (7, sura 19,19).

Maria chiede come potrà dare la nascita ad un bambino “se nessun uomo mi ha toccata e non sono dissoluta?” (19,20).

Gellinger - Pixabay

La gravidanza

La risposta dell’inviato celeste insiste di nuovo sul fatto che Dio ha deciso così e che per lui è facile da realizzare. E aggiunge: “Faremo di lui un segno per le genti, e una misericordia da parte Nostra” (7, sura, 19,21).

E il passo termina con il versetto: “Ella rimase dunque incinta e si allontanò con lui in un luogo appartato” (7, sura 19,22). Questo versetto della sura 19 trova un parallelo nella sura 66, 12: “E Maria, figlia di ‘Imran, che preservò la sua vulva. Noi abbiamo insufflato in lei del nostro Spirito” (9, sura 66,12).

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni