Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 25 Giugno |
Cuore Immacolato
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Come migranti arrestati al confine: ecco il presepe con la Natività dietro le sbarre

presepe-sbarre-chiesa-metodista-usa.jpg

Facebook - Karen Clark Ristine

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 10/12/19

Lo ha promosso una chiesa metodista della California per protestare contro Trump. La Sacra Famiglia rinchiusa nelle gabbie, come quei rifugiati che non possono arrivare negli Usa per costruirsi il proprio futuro

Un presepe in cui Maria, Giuseppe e Gesù Bambino sono chiusi in gabbie distinte, come quelle che sono diventate tristemente note per le famiglie di migranti divise, dopo l’arresto sul confine con gli Stati Uniti.

Con questa particolare «Natività», la cui foto è diventata virale sui social media accendendo anche un animato dibattito, la chiesa metodista di Claremont, località della California a nord est di Los Angeles, ha voluto protestare contro le politiche dell’amministrazione Trump (Avvenire, 10 dicembre).

Una Sacra Famiglia per i rifugiati

«Per noi la Sacra Famiglia rappresenta in un certo senso le tante famiglie senza nome», ha spiegato la reverenda Karen Clark Ristine, pastore della chiesa di Claremont, in un post pubblicato su Facebook, che ha fatto oltre 23mila condivisioni.

«Noi abbiamo ascoltato la loro sofferenza – ha aggiunto – abbiamo visto come questi richiedenti asilo sono stati accolti e trattati. Noi vogliamo che la Sacra Famiglia rappresenti queste persone senza nome perché anche loro erano rifugiati». 




Leggi anche:
Confine Messico-Usa: i migranti stremati accolti da una suora. In un night club

Politica? No, teologia

A chi l’accusa di aver voluto politicizzare il presepe, Ristine, che è alla guida della chiesa dallo scorso luglio, si difendere dicendo di «non considerare la scelta come politica, ma teologica, sto ricevendo risposte da persone che non conosco, persone che mi dicono che si sono commosse fino alle lacrime».

L’immagine della Sacra Famiglia e della Natività «è qualcosa a noi cara e se li vediamo separati, questo spingerà molte persone alla compassione», ha detto ancora la reverenda.




Leggi anche:
Francesco: nel presepe l’immagine dei migranti sui barconi

Tags:
migrantipresepeusa
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni