Aleteia
domenica 25 Ottobre |
Sant'Antonio Maria Claret
Spiritualità

Se il diavolo era un angelo, perché viene rappresentato come un mostro?

DEVIL

Fra Angelico | Public Domain

Daniel R. Esparza - pubblicato il 05/12/19

Un'occhiata ad alcuni aspetti della storia occidentale della nozione della bellezza potrebbe spiegare alcuni degli elementi principali dell'iconografia demoniaca

Fin dall’inizio, il cristianesimo ha ritenuto che sia possibile conoscere Dio, come origine e fine dell’universo, contemplando il movimento, l’ordine e la bellezza nella natura: “Poiché ciò che di Dio si può conoscere è loro manifesto; Dio stesso lo ha loro manifestato. Infatti, dalla creazione del mondo in poi, le sue perfezioni invisibili possono essere contemplate con l’intelletto nelle opere da lui compiute, come la sua eterna potenza e divinità” (Romani 1, 19-20).

Ogni possibile perfezione che si ritrova in una creatura non è altro che un riflesso dell’infinita perfezione di Dio, perché “dalla grandezza e bellezza delle creature per analogia si conosce l’autore” (Sapienza 13, 5). È anche vero, però, che Dio trascende ogni creatura, ed è necessario non fondere Dio e il creato, o Dio e qualsiasi rappresentazione che possiamo fare di Lui, visto che le immagini che si riferiscono ai più grandi misteri della fede (siano essi immagini, diagrammi o perfino idee) non riescono a superare l’ordine delle cose sensibili. Dio stesso, hanno sottolineato alcune delle grandi voci della tradizione, sarebbe in qualche modo “il grande iconoclasta”. I modi in cui la divinità viene rappresentata dovrà sempre basarsi su riferimenti a ciò che c’è di più elevato nelle creature, ma a livello solo metaforico, figurativo.

Nel capitolo 46 della sua Prima Apologia, San Giustino (ca. 100-165) spiegava: “Ci è stato insegnato che Cristo è il primogenito di Dio, ed abbiamo già dimostrato che Egli è il Logos di cui fu partecipe tutto il genere umano. E coloro che vissero secondo il Logos sono cristiani, anche se furono giudicati atei, come, tra i Greci, Socrate ed Eraclito ed altri come loro; tra i barbari, Abramo ed Anania ed Azaria e Misaele ed altri molti, l’elenco delle cui opere e dei cui nomi ora tralasciamo, sapendo che è troppo lungo”.

Come molti dei Padri, Giustino favoriva e incoraggiava la comunione del cristianesimo con l’antichità classica. Seguendo questa tradizione, il Medioevo cristiano ha attinto sia alle immagini più nobili ed eroiche ereditate dal suo passato greco-romano che alla ricca diversità del suo mondo mitico, popolato da esseri con corpi eterogenei e zoomorfi. Come ha indicato l’antropologo e storico dell’arte Vladimir Acosta nel suo testo Prodigious Humanity, “quando l’arte medievale attraversa un periodo ‘classico’, cerca le basi di un’armonia […]. Nei periodi in cui questa stabilità viene alterata […], ritroviamo il mostro e la bestia”. È in questa alternanza tra armonia e mostruosità che troviamo una delle fonti da cui derivano le rappresentazioni dell’Inferno e dei demoni, offrendo le immagini di esseri favolosi e deformati compilate nei bestiari, usate come decorazione in sculture, arazzi e minature, e illustrando i margini e le maiuscole dei manoscritti gotici.

La concezione più o meno medievale del mondo come campo di battaglia tra virtù e peccato, che circolava specialmente in monasteri e circoli eremitici e ascetici, ha favorito al comparsa di molte figure appositamente orrende, in grado di sintetizzare il male in immagini. Com’è ben noto, il cristiano lotta costantemente contro gli attacchi del maligno. Nella vita dei santi ascetici come i Padri del Deserto, infatti, i demoni sorgono ovunque, presentandosi non solo come figure animali e mostruose, ma anche come angeli raggianti o splendide donne. Se la bellezza è considerata un attributo positivo, esserne orgogliosi non è coerente con i principi della bellezza spirituale. Dalla lettura del libro del profeta Ezechiele (Ez 28, 11-19) in cui si narra la caduta del principe di Tiro, l’esegesi trova un’immagine di colui che sarebbe stato l’angelo più bello in Paradiso ed è poi diventato il grande caduto:

“Tu eri un modello di perfezione, pieno di sapienza, perfetto in bellezza; in Eden, giardino di Dio, tu eri coperto d’ogni pietra preziosa (…) Eri come un cherubino ad ali spiegate a difesa; io ti posi sul monte santo di Dio (…) Perfetto tu eri nella tua condotta, da quando sei stato creato, finché fu trovata in te l’iniquità. Crescendo i tuoi commerci ti sei riempito di violenza e di peccati; io ti ho scacciato dal monte di Dio e ti ho fatto perire, cherubino protettore, in mezzo alle pietre di fuoco. Il tuo cuore si era inorgoglito per la tua bellezza, la tua saggezza si era corrotta a causa del tuo splendore: ti ho gettato a terra (…) Con la gravità dei tuoi delitti, con la disonestà del tuo commercio hai profanato i tuoi santuari; perciò in mezzo a te ho fatto sprigionare un fuoco per divorarti. Ti ho ridotto in cenere sulla terra sotto gli occhi di quanti ti guardano. Quanti fra i popoli ti hanno conosciuto sono rimasti attoniti per te, sei divenuto oggetto di terrore, finito per sempre”.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
diavolo
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni