Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“Migranti in ogni parrocchia”. La proposta dell’Elemosiniere del Papa a vescovi, cardinali, preti

@DR
Migranti
Condividi

“Apriamo, a cominciare da me, le nostre canoniche, i conventi, i monasteri per ospitare ognuno almeno una famiglia dei campi profughi di Lesbo, per poterli svuotare tutti”

«Mi rivolgo ai cardinali, ai vescovi, ai presbiteri, ai religiosi: apriamo, a cominciare da me, le nostre canoniche, i conventi, i monasteri per ospitare ognuno almeno una famiglia dei campi profughi di Lesbo, per poterli svuotare tutti. Le risorse ci sono».

È l’appello lanciato dall’elemosiniere del Papa, il cardinale Konrad Krajewski, che  il 4 dicembre ha accolto i primi 33 rifugiati arrivati a Fiumicino dall’isola di Lesbo attraverso un corridoio umanitario. Krajewski è lo stesso cardinale che lo scorso maggio fece parlare di sé quando riattivò la corrente in uno stabile occupato a Roma (SkyTg24, 4 dicembre).

KARDYNAŁ KONRAD KRAJEWSKI
Vandeville Eric/ABACA/EAST NEWS
Il cardinale Krajewski

“La speranza di ferma in Grecia”

Il cardinale polacco, parlando dei rifugiati dei quali si sta occupando, poi aggiunge: «A maggio nei campi c’erano 7mila persone; oggi ce ne sono oltre 15mila con 800 bambini non accompagnati. Non c’è così per loro speranza oggi. Si ferma in Grecia. Vivono in disagio e condizioni drammatiche. Un problema ed una vergogna per l’Europa».

“Sarà il nostro miracolo”

«Il Pontefice – ha continuato il cardinale – è colui che mette i ponti. Oggi abbiamo messo questo ponte che si chiama corridoio umanitario. È una cosa totalmente evangelica».

Il grazie della Santa Sede va al governo italiano che ha permesso questo corridoio e al governo greco che, oltre ad aver lavorato al superamento dei problemi burocratici, ha anche pagato i biglietti di tutti quelli che sono arrivati oggi. «Dio fa le grandi opere», ha detto l’elemosiniere. «Ma con tutta la gente di buona volontà, possiamo moltiplicare questi corridoi e questo sarà il nostro miracolo» (Agensir, 4 dicembre).

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni