Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Benedizione delle arance per la festa di San Nicola

St Nicolas of Myre statue
Fred de Noyelle | GoDong
Condividi

Uno dei doni più antichi associati a San Nicola può essere benedetto dal sacerdote

Molti hanno familiarità con la storia di San Nicola e sanno che gettò tre sacchi d’oro attraverso una finestra (o un camino) nelle calze di tre sorelle per salvarle dalla prostituzione.

Questa storia è uno dei motivi per cui in occasione della festa di San Nicola (il 6 dicembre) è nata una tradizione secondo la quale i bambini mettono in bella mostra le calze o le scarpe nella speranza che vengano riempite di piccoli doni.

Originariamente uno dei doni più comuni che apparivano “magicamente” nelle calze erano le arance.

C’erano molti motivi per offrire questo dono. Ad esempio, le arance erano molto più difficili da trovare rispetto a oggi, ed erano una vera delizia per qualsiasi bambino.

In molte rappresentazioni di questo evento della vita di San Nicola, i tre sacchi d’oro assomigliano a volte a tre sfere dorate. Le arance erano la rappresentazione perfetta delle sfere dorate e ricordavano ai bambini questo episodio della sua vita.

In alcune parrocchie, prima della festa di San Nicola ha luogo una benedizione speciale delle arance, dopo la quale i frutti benedetti vengono distribuiti ai fedeli. Una delle benedizioni più comuni tra quelle usate è postata sul sito web del St. Nicholas Center, tratta da un libro di preghiera pubblicato da Liturgy Training Publications.

Ci sono anche benedizioni che potrebbero essere adattate dal Libro delle Benedizioni che molti sacerdoti usano in modo regolare.

Un’altra opzione a cui può ricorrere un sacerdote si ritrova nel Rituale Romano sotto il titolo “Benedizione di qualsiasi cibo”, per portare la benedizione di Dio sulle arance:

“Signore, benedici [queste arance], e fa’ che siano un cibo sano per l’umanità. Fa’ che chiunque le mangi con riconoscenza nei confronti del tuo santo nome possa trovarvi un aiuto nel corpo e nell’anima. Per Cristo nostro Signore. Amen”.

Qualsiasi benedizione si usi, l’obiettivo è ricordare ai fedeli l’atto di carità di San Nicola e concentrare la loro attenzione sul vero significato che sta dietro le tradizioni familiari popolari.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni