Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

Guardi o vedi? Sei in grado di concentrarti?

By Charly Morlock/Shutterstock
Condividi

Quante cose accadono senza che ce ne rendiamo conto… Essere attenti è un dono di Dio.

Al giorno d’oggi a molte persone – adulti, giovani e bambini – viene diagnosticato un deficit di attenzione. Non riescono a concentrarsi su quello che stanno facendo. Non si concentrano e non rendono. Vivono disperse, saltando da una cosa all’altra senza approfondire.

Questo atteggiamento interiore indebolisce l’anima. Non essere capace di concentrarsi in quello che si fa e nelle persone che si hanno accanto danneggia.

Essre attenti è un dono di Dio. Attenti a quello che succede intorno a noi. Attenti a quello che accade alle persone che amiamo. Sono capace di osservare attentamente tutto ciò che accade intorno a me?

young boy looking outside
By Ollyy/Shutterstock

Penso a tante cose che accadono senza che io me ne renda conto.

Vivo distratto, perdendo tempo, concentrato su cose che non hanno valore. Ma non guardo Dio, né le persone. Non mi preoccupo di chi soffre. Vivo pensando alle mie cose, a stare bene io.

L’Avvento mi mette in cammino verso chi ha bisogno di me. Tutto ciò che faccio per Lui sono opere della luce, non della notte. Non vivo angosciato pensando alla venuta di Gesù.

So che quando verrà mi troverà dedito alle cose di suo Padre. Attento alla vita, non concentrato su di me e sulle mie cose.

WREATH
SHUTTERSTOCK

Voglio vivere attento alle necessità che mi vedo accanto. Il mio sguardo è importante. Non voglio vivere immerso nei sogni, dedicandomi a cose senza valore.

Voglio essere attento come Maria. Ella custodiva tutte le parole che ascoltava nel suo cuore. Maria mi insegna a guardare la vita allo stesso modo.

C’è una differenza notevole tra vedere e guardare. Vedo cose che succedono, ma passano e scompaiono, o io le trascuro. Quando guardo trattengo, guardo con tutta l’anima. Guardo con il cuore.

Guardo coinvolgendomi con la persona che ho davanti. Guardo la vita della persona nella sua globalità e mi impegno. Così guarda Maria. Così guarda Gesù. Così voglio guardare io, trattenendo tutto nella mia anima e meditandolo nel mio cuore.

Guardare in questo modo è quello che salva le persone. Molti vedono semplicemente. Sono pochi quelli che guardano davvero. Vorrei essere uno di quelli che guardano e custodiscono per smpre nell’anima.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni