Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La teologia in un cesto di frutta di Caravaggio

CARAVAGGIO
Condividi

“Vanità delle vanità, tutto è vanità”

La pesca

Le tre componenti di questo frutto – polpa, nocciolo e semi – rappresentano la Santissima Trinità.

La mela e il fico

Questi due frutti sono chiari simboli del peccato originale. La mela è il frutto proibito mangiato da Adamo ed Eva, e per questo Caravaggio la rappresenta forata come se fosse stata mangiata dai vermi. Quando Adamo ed Eva si sono sentiti nudi per via del peccato, poi, hanno intessuto foglie di fico per coprirsi (Gen. 3, 1-7).

Non avreste mai immaginato che un quadro rappresentante un cesto di frutta, come tante volte vediamo a casa delle nonne, potesse avere un tale significato cristologico, vero?

Il dipinto originale si trova nella Pinaconeta Ambrosiana di Milano, e il cesto di frutta e il suo autore Caravaggio erano rappresentati sulle banconote da 100.000 lire.

CARAVAGGIO
Public domain

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni