Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 27 Febbraio |
Aleteia logo
Cultura
separateurCreated with Sketch.

La teologia in un cesto di frutta di Caravaggio

CARAVAGGIO

Public domain

Maria Paola Daud - pubblicato il 03/12/19

“Vanità delle vanità, tutto è vanità”

Un quadro di una natura morta può essere una grande catechesi teologica? Grazie al grande ingegno del Caravaggio è possibile, e lo vedremo analizzando un’opera che rappresenta la vanità, “Vanitas vanitatum et omnia vanitas”, “Vanità delle vanità, tutto è vanità” (Eccl 1, 2).

I romani adoravano le opere di Caravaggio, perché erano sempre una lezione magistrale e gratuita agli occhi di tutti – grandi e piccoli, ricchi e poveri, uomini e donne, senza distinzioni.

All’epoca la vanità in pittura era rappresentata come un cesto di frutta, in cui si nascondevano innumerevoli simboli allegorici legati al “Memento Mori”, che invita a ricordare che tutti moriremo, e quindi tutto è effimero: beni materiali, bellezza estetica…

Se ci concentriamo bene sul cesto, possiamo vedere che una parte è più illuminata dell’altra, e che ci sono frutti e foglie più freschi di altri che sembrano troppo maturi o con imperfezioni provocate da una malattia della pianta o da qualche insetto. Tutte queste contraddizioni non sono un caso per Caravaggio, che in quel modo voleva mostrare la fragilità e fugacità della vita.

Ogni frutto è legato alla simbologia cristologica, e presagisce la passione di Cristo. I frutti sono poi divisi in due gruppi, uno con valenza positiva (uva, pera, pesca) e uno con valenza negativa (mela e fico).

Vediamo ora cosa simboleggia ogni elemento del cesto di frutta.

Il cesto

Un cesto serve per contenere, e in un certo senso per proteggere il contenuto. Nell’ambito religioso cristiano potrebbe rappresentare la Chiesa, che accoglie e protegge i suoi figli.

L’uva

Rappresenta l’Eucaristia e la salvezza, il sangue di Cristo. Nelle allegorie barocche, l’Agnello appare tra spighe e uva.

La pera

Rappresenta la Bontà Divina, perché è un frutto molto dolce. La sua forma allungata ricorda il ventre femminile. Il suo albero ha fiori bianchi, che sono diventati un simbolo di Maria.

La pesca

Le tre componenti di questo frutto – polpa, nocciolo e semi – rappresentano la Santissima Trinità.

La mela e il fico

Questi due frutti sono chiari simboli del peccato originale. La mela è il frutto proibito mangiato da Adamo ed Eva, e per questo Caravaggio la rappresenta forata come se fosse stata mangiata dai vermi. Quando Adamo ed Eva si sono sentiti nudi per via del peccato, poi, hanno intessuto foglie di fico per coprirsi (Gen. 3, 1-7).

Non avreste mai immaginato che un quadro rappresentante un cesto di frutta, come tante volte vediamo a casa delle nonne, potesse avere un tale significato cristologico, vero?

Il dipinto originale si trova nella Pinaconeta Ambrosiana di Milano, e il cesto di frutta e il suo autore Caravaggio erano rappresentati sulle banconote da 100.000 lire.

CARAVAGGIO
Public domain

Tags:
caravaggiopitturateologia
Top 10
See More