Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Sapevate che San Nicola è stato il primo “Babbo Natale in segreto”?

NICHOLAS
Condividi

Anche le più antiche storie su San Nicola si concentrano sul suo desiderio di fare segretamente dei doni

Il mitico personaggio moderno di Babbo Natale è ben noto perché fa segretamente dei doni. Ciò è dovuto in parte a una storia popolare che riguarda il vescovo del IV secolo San Nicola di Mira.

La storia è raccontata nella Legenda Aurea, una raccolta di storie medievali su molti dei primi santi della Chiesa cattolica:

“Un uomo aveva tre figlie, vergini, ed era nobile, ma per la loro povertà erano in difficoltà, e [aveva l’intenzione di avviarle alla prostituzione], di modo che col [denaro]… potessero sostenersi. Quando il sant’uomo Nicola lo seppe provò grande orrore, e di notte gettò segretamente nella casa dell’uomo dell’oro avvolto in un panno. Quando l’uomo si alzò al mattino, trovò l’oro e rese a Dio grandi ringraziamenti, e riuscì a far sposare la figlia maggiore. Poco dopo il santo servo di Dio gettò altro oro. L’uomo lo trovò, ringraziò Dio e decise di rimanere sveglio per conoscere chi lo aveva aiutato nella sua povertà”.

L’uomo non aveva idea di chi fosse il suo ignoto benefattore, ma quando San Nicola arrivò per la terza volta lo colse sul fatto.

“Qualche giorno dopo Nicola raddoppiò l’oro e lo gettò nella casa dell’uomo. Questi si svegliò per il rumore e seguì Nicola, che fuggì da lui, e gli disse: ‘Signore, non fuggire, perché io possa vederti e conoscerti’. Poi lo rincorse più velocemente, e seppe che era Nicola; si inginocchiò e gli voleva baciare i piedi, ma il sant’uomo non volle, e gli chiese di non diffondere l’accaduto finché fosse vissuto”.

San Nicola offriva doni a chi ne aveva bisogno nel segreto della notte, e non voleva che alcuno conoscesse la sua identità.

Perché non voleva che nessuno sapesse chi era?

Le storie non offrono ulteriori dettagli, ma essendo un sant’uomo probabilmente Nicola traeva ispirazione dalle parole di Gesù ai suoi discepoli:

“Quando invece tu fai l’elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti segreta; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà” (Matteo 6, 3-4).

San Nicola è stato il primo “Babbo Natale in segreto”, e ci ricorda che il miglior modo di donare è farlo con un cuore amorevole, non desiderando alcun riconoscimento personale, ma desiderando solo il bene dell’altra persona.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni