Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

San Francesco Saverio ci incoraggia ad amare Dio per un’unica ragione

Francis Xavier
Condividi

Chiedetevi perché amate il Signore!

Quando diciamo di amare Dio, a volte non è per i motivi più elevati. Possiamo amare Dio perché ci benedice con molte grazie, o perché ha guarito il nostro cuore spezzato.

Se basare il nostro amore nei confronti di Dio su eventi particolari della nostra vita o sulla promessa futura del Paradiso non è sbagliato di per sé, San Francesco Saverio ci incoraggia ad amare Dio per quello che è e per come ci ha amati per primo.

Come un bambino ama incondizionatamente un genitore fin dai primi istanti di vita, anche noi dovremmo amare Dio senza secondi fini. Questo tipo di amore può sopportare qualsiasi tipo di difficoltà, e ci aiuterà quando ci sentiremo soli e abbandonati.

Ecco una preghiera tradizionalmente attribuita a San Francesco Saverio chiamata il suo “Inno d’Amore”, che illustra questo principio di base concentrandosi su come dovremmo amare Dio non in vista di guadagni futuri o per evitare una punizione, ma perché Dio è Dio e ha già mostrato la profondità del suo amore per noi sulla croce.

 

O Dio, Ti amo per quello che sei
e non per quello che potrei guadagnare,
né perché chi non ti ama
deve soffrire il dolore eterno dell’inferno.

Tu, o mio Gesù! Tu mi hai
abbracciato sulla croce;
per me hai sopportato i chiodi e la lancia
e tante disgrazie;

innumerevoli dolori e tormenti,
e il sudore dell’agonia;
perfino la morte stessa – e tutto per uno
che era tuo nemico.

E allora perché, beato Gesù Cristo,
non dovrei amarti correttamente,
non volendo guadagnare il cielo
o sfuggire all’inferno;

non con la speranza di ottenere qualcosa,
non cercando una ricompensa,
ma come Tu mi hai amato,
Signore pieno d’amore?

Ti amo e ti amerò,
e in tua lode canterò
solo perché Tu sei il mio Dio,
e il mio eterno Re.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni