Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Papa Francesco: sapete come possiamo salvarci? Mostrandoci vulnerabili

Condividi

La vulnerabilità non è debolezza, ma forza. Ce lo dimostra il Papa

La vulnerabilità è una forza, una risorsa, che ci aiuta verso la Salvezza. A sostenerlo è il Papa, che ha parlato per circa un quarto d’ora nel salone della Cittadella della Carità a Roma, in mezzo a 200 persone tra ospiti, volontari e operatori.

Le sofferenze subite da Dio

«Vulnerabilità», per il Papa, è «l’incontro di ferite diverse, di debolezze diverse: tutti siamo deboli, tutti siamo vulnerabili. Anche Dio ha voluto farsi vulnerabile per noi, è uno di noi, e ha sofferto: non avere casa dove nascere… Ha sofferto la persecuzione, scappare in un altro Paese, migrare…Ha sofferto la povertà».

«Dio si è fatto vulnerabile, e per questo noi possiamo parlare con Gesù perché è uno di noi», ha proseguito Francesco: «Abbiamo la stessa carta di identità: vulnerabili, amati e salvati da Dio».

Toccare le piaghe

«Non si può fare l’aiuto ai poveri, non si può avvicinarsi ai poveri dalla distanza», il monito: «Bisogna toccare, toccare le piaghe, sono le piaghe di Gesù misterioso: quando tu tocchi quella piaga, ti accorgi della tua, e questa è la grazia che ci danno i poveri, che ci dà la vulnerabilità dei poveri. Sapere che anche noi siamo vulnerabili. E questo è bellissimo, significa che anche noi abbiamo bisogno di salvezza, di qualcuno che ci dica una parola buona: i volontari, anche i preti, tutti abbiamo bisogno di un fratello, di Gesù, di camminare con Gesù».

African woman crying
By Diego Cervo!Shutterstock

L’identità

«Ognuno ha la propria identità, ma il cognome è lo stesso – vulnerabilità – e questo è bello perché significa che abbiamo bisogno di salvezza, bisogno di cure. E la salvezza – ha concluso Papa Francesco – Dio non la fa con un decreto, la fa camminando con noi, avvicinandoci a noi con Gesù. Questa è la salvezza: intimità itinerante con Gesù. E avanti così!» (Agensir, 2 dicembre).

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.