Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Se volete conoscere meglio la vita di Padre Pio dovete visitare questo luogo

PIO
Maria Paola Daud - ALETEIA
Condividi

Dicono che chi lo visita arrivi a sentire l’aroma di fiori che San Pio emanava dalle sue piaghe

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

La nuova chiesa di Santa Maria delle Grazie, la cripta antica e il santuario di Padre Pio sono luoghi fondamentali per conoscere meglio il santo.

Quando Padre Pio ha iniziato a diventare popolare, l’antica chiesa di Santa Maria delle Grazie ha cominciato ad essere troppo piccola per ospitare i tanti fedeli che accorrevano per assistere alla Messa celebrata dal santo. Per questo si è deciso di celebrarla all’aperto, ma ovviamente si poteva fare solo quando il tempo lo permetteva. È stato quindi necessario costruire una chiesa più grande.

La nuova chiesa di Santa Maria delle Grazie è stata costruita proprio accanto a quella precedente tra il 1956 e il 1959, e l’architetto incaricato dell’opera è stato Giuseppe Gentile di Boiano.

La chiesa è ornata da splendidi mosaici aggiuntisi nel corso del tempo. Gli ultimi risalgono al 2012. Uno è dedicato a San Giovanni Paolo II, molto vicino a Padre Pio, l’altro a Madre Teresa.

Dal lato destro della chiesa inizia tutto un percorso con aroma di santità, un cammino che nessun fedele o devoto può percorrere senza emozionarsi. Alcuni dicono di sentire perfino l’aroma floreale che San Pio emanava dalle sue piaghe.

La prima fermata è la cripta, che ha ospitato il corpo del santo fino al 2010. È stata benedetta il 22 settembre 1968, il giorno prima della morte di Padre Pio. La tomba è accanto a un’immagine di Cristo su richiesta del santo stesso.

Continuando lungo il corridoio che conduce alla cella e all’infermeria di Padre Pio si ripercorre tutta la sua vita attraverso fotografie e oggetti a lui appartenuti. Credo che la cosa più preziosa siano le migliaia di lettere scritte dai fedeli al santo per chiedergli qualche miracolo e che lui custodiva gelosamente.

La cella del santo

Quando si arriva alla sua cella, emerge chiaramente l’umiltà e la povertà che San Pio ha assunto come opzione di vita fino alla fine. Avrebbe potuto vivere in modo molto più agiato grazie alla carità dei suoi fedeli devoti, ma ha sempre preferito fare qualcosa per migliorare la qualità di vita dei più bisognosi, soprattutto dei malati.

Sono rimasta per un po’ a contemplare la sua cella, pensando alle grandi battaglie che ha combattuto col demonio in quel luogo santo. Una grande lotta per strappare un’anima al diavolo, lotta fortunatamente sempre vinta da Padre Pio. I suoi confratelli raccontano che spesso non li lasciava dormire per via dei rumori tremendi che provenivano dalla sua cella, e che la mattina era molto comune vederlo con un grande livido su un occhio.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni