Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Sapevate che Sant’Omobono è il patrono degli uomini d’affari e dei commercianti?

SAINT Homobonus
Claudine Van Massenhove | Shutterstock
Condividi

Era un “uomo buono”, che ha lottato per mantenere l’integrità negli affari e ha donato buona parte dei profitti ai poveri

Gestire gli affari in modo virtuoso non è sempre la cosa più facile da fare. Sul cammino ci sono molte tentazioni che possono portare sulla via della perdizione.

I santi, tuttavia, ci mostrano che si può essere santi e al contempo uomini d’affari di successo.

Sant’Omobono è un ottimo esempio. Nato nel XII secolo in una famiglia di ricchi mercanti italiani, per tutta la vita non prese mai una decisione d’affari che potesse mettere in pericolo la sua anima. Avrebbe preferito perdere tutta la sua fortuna che tradire il Vangelo.

Alla fine di una lunga giornata di lavoro, si fermava in una chiesa vicina e recitava la Liturgia delle Ore con i monaci. Pregava anche spesso mentre lavorava, interrompendo quello che stava facendo per rendere lode al Creatore.

Oltre ad avere una vita di preghiera devota, donava anche buona parte dei suoi profitti ai poveri e ai sofferenti, visitandoli personalmente e dando loro quello di cui avevano bisogno. Nel libro The Lives of the Fathers, Martyrs, and Other Principal Saints, Alan Butler porta un esempio della sua carità:

Non contento di dare la decima di ciò che aveva alle membra deboli di Cristo, dopo la morte di suo padre (da cui ereditò merce e ‘ferri’ del mestiere, oltre a una casa in città e una piccola villa in campagna), sembrava non porre fine alla sua elemosina: cercava i poveri nelle loro abitazioni, e se alleviava gioiosamente le loro necessità corporali, li esortava teneramente anche al pentimento e alla vita santa. Sua moglie a volte si lamentava dicendo che la sua elemosina eccessiva avrebbe presto ridotto sul lastrico la famiglia, ma lui le rispondeva dolcemente che donare ai poveri è mettere cento volte il denaro al miglior interesse, perché sarebbe stato ricompensato da Cristo stesso.

Quello che potrebbe sorprendere è che fosse un mercante di successo. Era sia un uomo santo che un bravo uomo d’affari, capace di integrare abilmente la sua fede nelle attività quotidiane.

Omobono è un ottimo intercessore per gli uomini d’affari e i commercianti. Il suo esempio mostra con con grande disciplina non è necessario vendere l’anima per vedere merci nel mondo moderno.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni