Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 16 Ottobre |
Santa Margheria-Maria Alacoque
Aleteia logo
home iconSpiritualità
line break icon

Ringraziamento ed Eucaristia significano la stessa cosa

KOMUNIKANTY

Shutterstock

John Burger - pubblicato il 29/11/19

La parola usata per la Messa e il sacramento cattolici ha un significato speciale, non solo per una festa

È stato sottolineato molte volte in passato, ma non fa male dirlo ancora una volta il giorno in cui in molti luoghi si celebra la festa del Ringraziamento: il termine greco per indicare il ringraziamento è “eucaristia”, la stessa parola che indica sia la Messa cattolica che il sacramento della Santa Comunione.

Non sorprende, quindi, che molti cattolici vogliano iniziare la loro festa del Ringraziamento con una visita in chiesa, anche se è una festa civile e non un giorno di precetto.

“Tutta la vita liturgica della Chiesa gravita attorno al sacrificio eucaristico e ai sacramenti”, afferma il Catechismo della Chiesa Cattolica (1113). Si definisce Eucaristia “perché è rendimento di grazie a Dio”. I termini greci “ricordano le benedizioni ebraiche che – soprattutto durante il pasto – proclamano le opere di Dio: la creazione, la redenzione e la santificazione”.

“Il termine ‘Eucaristia’, o ringraziamento, dev’essere spiegato o con il fatto che nella sua istituzione Cristo ‘ha reso grazie’ o col fatto che è l’atto supremo della gratitudine cristiana nei confronti di Dio”, scrive il gesuita padre John A. Hardon nel suo Catholic Catechism. “I primi esempi di questo titolo si ritrovano nell’insegnamento dei dodici apostoli, nelle lettere di Sant’Ignazio di Antiochia e nelle Apologie di San Giustino”.

Christ Our Pascha, il Catechismo della Chiesa Greco-Cattolica Ucraina, lo spiega così: “Il mistero dell’Eucaristia trae il nome da questa preghiera di ringraziamento in cui esprimiamo gratitudine per tutto ciò che abbiamo ricevuto da Dio. Ringraziamo Dio ‘per tutte le cose che conosciamo e che non conosciamo, per i benefici effusi su di noi, manifesti e nascosti’. Questo ringraziamento, questa gratitudine, precede tutte le richieste per le nostre necessità. Questo è perché ci rendiamo conto che, avendoci donato suo Figlio e lo Spirito Santo, ci ha dato tutto ciò che serve per la nostra salvezza. Pregando Dio, l”ineffabile, inconcepibile, invisibile, incomprensibile’, confessiamo che egli è infinitamente più grande di tutto ciò che sappiamo o possiamo dire su di lui o sulle sue azioni. Ringraziamo Dio per il creato – ‘Ci ha portati in essere dal nulla’ – e per la salvezza: ‘Dopo che siamo caduti, ci ha risollevati e non ha smesso di fare di tutto per portarci in Paradiso e garantirci il suo regno futuro’”.

San Giovanni Maria Vianney aveva una devozione speciale per l’Eucaristia, e in una delle sue meditazioni ha scritto dello spirito di riconoscenza dopo aver ricevuto la Comunione: “Quando lasciamo l’altare siamo felici come i Magi con il Bambino Gesù”.

Un altro santo, San Pietro Giuliano Eymard, è noto come il Santo dell’Eucaristia. Ha infatti fondato un ordine religioso, la Congregazione del Santissimo Sacramento, la cui missione è condividere le ricchezze dell’amore di Dio manifestato nell’Eucaristia. San Pietro Giuliano arriva al cuore della questione quando scrive che la forma più alta di ringraziamento che il devoto cristiano può
effettuare in risposta all’Eucaristia è un completo dono di sé:

“Appartenete interamente a Dio attraverso l’amore, interamente al prossimo con una carità amorevole, interamente alla divina Eucaristia mediante l’offerta e il sacrificio di tutto il vostro essere”, ha scritto. “Abbiate in voi la pazienza di nostro Signore”.

E che questo possa essere fatto sempre, non solo nel giorno del Ringraziamento.

Tags:
comunionegratitudine
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
“Dio ti darà dei segni”. Quel messaggio di Carlo Acutis all’amica...
2
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
3
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
4
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
5
CARLO ACUTIS
Silvia Lucchetti
“I primi miracoli mio figlio li fece il giorno del funerale”
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
BERGOGLIO
Gelsomino Del Guercio
“Se non mi sposo con te, mi faccio prete”. Così parlò il futuro P...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni