Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Brasile: un altro miracolo attribuito a Carlo Acutis?

Carlo Acutis, un geek au paradis
Éditions Première Partie
"Carlo Acutis, un geek au paradis", père Will Conquer.
Condividi

Ha subìto 5 arresti cardiaci, è entrato in stato vegetativo, è stato toccato con la reliquia di Carlo e i medici non sanno spiegare come sia possibile che oggi stia bene

Padre Marcélo Tenório è parroco della chiesa di San Sebastiano a Campo Grande, capitale dello Stato brasiliano del Mato Grosso do Sul. È la parrocchia nella quale è avvenuto il miracolo della totale ripresa di un bambino di 10 anni che soffriva di una grave anomalia al pancreas.

Il miracolo è stato registrato nell’ottobre 2010 in una cappella della parrocchia dedicata a Nostra Signora Aparecida. A raccontarlo è stato lo stesso padre Marcélo, secondo quanto riferisce il blog cattolico Ancoradouro, del quotidiano O Povo:

“Quella malattia faceva sì che il bambino vomitasse continuamente, il che lo indeboliva e lo lasciava molto abbattuto, perché vomitava tutto ciò che ingeriva, anche liquido. Girava sempre con un asciugamani, perché la sua situazione era grave. Sempre più debole, andava incontro a morte certa. Mentre era in fila per la benedizione [con una reliquia di Carlo Acutis], il bambino ha chiesto al nonno cosa doveva chiedere, e lui gli ha detto ‘Di smettere di vomitare’. E così è stato. Quando è arrivato il suo turno, ha toccato la reliquia di Carlo e ha detto con voce salda ‘Smettere di vomitare’. Da quel momento non ha vomitato più”.

“Nel febbraio 2011, la famiglia ha fatto realizzare nuovi esami al bambino ed è stata constatata la guarigione totale. Questo possibile miracolo è stato inviato alla Congregazione delle Cause dei Santi, e allora il Vaticano ha fatto insediare qui nell’arcidiocesi un tribunale ecclesiastico per verificare l’accaduto, raccogliendo testimonianze e prove documentali e mediche. Chiuso qui il processo, è tornato a Roma per essere sottoposto all’équipe di periti del Vaticano”.

Padre Marcélo afferma che nella stessa parrocchia si è verificato un altro “miracolo clamoroso” legato al giovane Carlo Acutis:

“Si tratta del giovane Gabriel Terron, nostro cerimoniere. Era coordinatore dei Carlanis, il gruppo di giovani che seguiva Carlo. Una volta ha subìto 5 arresti cardiaci, il che lo ha lasciato in stato vegetativo. Io stesso sono stato con lui in ospedale e l’ho toccato con la Reliquia. Oggi sta bene, tra noi, e aiuta ancora con la Santa Messa. E i medici non sanno spiegare l’accaduto”.

CARLO ACUTIS
CarloAcutis.com
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni