Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 16 Ottobre |
Santa Margheria-Maria Alacoque
Aleteia logo
home iconChiesa
line break icon

La missione degli angeli custodi

Ombe d'une jeune fille marchant sur chemin

marina shin - Shutterstock

padre Paulo Ricardo - pubblicato il 23/11/19

Gli angeli custodi non ci sono stati posti accanto solo per proteggerci da incidenti o disastri fisici. La loro missione sulla Terra è molto più grande di quello che si immagina

La Chiesa ha sempre creduto all’esistenza dei santi angeli custodi, a partire dalla testimonianza delle Sacre Scritture. Nostro Signore, ad esempio, chiedendo di non scandalizzare i piccoli, ha detto che “i loro angeli nel cielo vedono sempre la faccia del Padre mio che è nei cieli” [1]. In un passo riferito negli Atti degli Apostoli, la comunità cristiana, che pregava per San Pietro mentre lui era in prigione, confuse la sua presenza con quella del suo angelo [2]. Il Catechismo della Chiesa Cattolica insegna che “ogni fedele ha al proprio fianco un angelo come protettore e pastore, per condurlo alla vita” [3].

Partendo da questa citazione di San Basilio Magno, è ben evidente che la missione degli angeli custodi è “condurre alla vita”, al Cielo, gli esseri umani. Pur già contemplando Dio faccia a faccia, hanno ricevuto sulla Terra la missione di portare gli uomini alla Patria Celeste. Il loro ufficio non è quindi una semplice “protezione fisica”, come se gli angeli esistessero solo per aiutare i bambini ad attraversare la strada. Si tratta di una missione eminentemente spirituale, il cui centro è la salvezza eterna delle anime, anche se per questo si deve passare per sofferenze, malattie o tragedie.

San Tommaso d’Aquino, chiedendosi se “gli angeli soffrono per i mali di coloro che custodiscono”, risponde:

“Gli angeli non provano dolore né dei peccati né delle pene degli uomini. Infatti la tristezza e il dolore, come dice S. Agostino, traggono origine solo da ciò che contraria la volontà. Ora, nel mondo non accade nulla che sia contrario alla volontà degli angeli e degli altri beati: poiché la loro volontà aderisce totalmente all’ordine della divina giustizia, e nel mondo avviene soltanto ciò che è conforme alla divina giustizia o è da essa tollerato.Quindi, parlando in senso assoluto, nulla si compie nel mondo che sia contrario alla volontà dei beati. Come infatti insegna il Filosofo [Ethic. 3, 1], si dice volontario in senso assoluto ciò che uno vuole in concreto, attese cioè tutte le circostanze particolari, anche se considerando la cosa in universale egli non la vorrebbe: il navigante, p. es., non vuole il gettito in mare della mercanzia se si considera la cosa in sé e astrattamente, ma lo vuole nell’imminenza di un grave pericolo di morte. Quindi, come osserva sempre Aristotele [ib.], untale atto è più volontario che involontario. Ora in modo analogo anche gli angeli, parlando in senso astratto e assoluto, non vogliono i peccati e le penedegli uomini; vogliono però che in ciò sia salvo l’ordine della giustizia divina,secondo il quale alcuni sono sottoposti alla pena, ed è permesso che pecchino” [4].

Gli angeli custodi, quindi, amano e lottano per la salvezza degli uomini, ispirandoli, illuminandoli e a volte compiendo miracoli e lottando contro i propri demoni. Visto che sono strumenti santi dotati di intelligenza e liberi, sono chiamati “ministri”, perché sono stati posti da Dio al nostro servizio.

San Giovanni Bosco, raccomandando l’invocazione dell’angelo custode nel momento della tentazione, diceva che “egli desidera aiutarvi più di quanto voi desiderate essere aiutati da lui”. Per questo, non dev’esserci alcuna difficoltà nel chiedere l’ausilio dei nostri santi angeli. Non abbiamo bisogno di convincerli, ma solo di aprirci alla loro azione.

Riferimenti:
1. Mt 18, 10
2. Cf. At 12, 6-15
3. Catechismo della Chiesa Cattolica, 336
4. Summa Theologiae, I, q. 113, a.

Tags:
angelimissione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
“Dio ti darà dei segni”. Quel messaggio di Carlo Acutis all’amica...
2
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
3
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
4
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
5
CARLO ACUTIS
Silvia Lucchetti
“I primi miracoli mio figlio li fece il giorno del funerale”
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
BERGOGLIO
Gelsomino Del Guercio
“Se non mi sposo con te, mi faccio prete”. Così parlò il futuro P...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni