Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il Papa in Giappone come guida spirituale universale

POPE AUDIENCE
Condividi

Poche ore all’arrivo di Papa Francesco all’aeroporto di Tokyo. In Giappone il Papa si fermerà fino a martedì 26. Ultimi preparativi, sotto la pioggia, nei luoghi che vedranno la sua presenza e nel Centro stampa allestito per l’evento. Il governo accoglie il Papa come guida spirituale e morale a livello universale

di Adriana Masotti

Alle 9, ora di Tokyo, si è aperto il Centro stampa allestito per la visita di Papa Francesco. Giornalisti e fotografi hanno pian piano occupato tavoli e spazi e le prove per i collegamenti con le redazioni di tutto il mondo sono iniziate sotto l’occhio attento dei responsabili dell’organizzazione della struttura per questa “storica” occasione. Almeno 800 gli accrediti stampa registrati.

Dal Papa un insegnamento spirituale per tutti

Padre Joseph Naoki Momma, coordinatore generale della struttura di informazione della Chiesa locale e tra gli organizzatori in Giappone della visita del Papa, ci accoglie con una notizia che lo riempie di soddisfazione. “Abbiamo saputo qualche giorno fa – ci dice – che il governo ha finalmente accettato di cambiare la sua interpretazione della figura del Santo Padre. Finora, ci spiega, il Papa era considerato una sorta di “Imperatore della legge”, ora invece viene visto come “Imperatore della dottrina”, o meglio come guida spirituale e morale a livello universale.

Un’intensa preparazione

Riguardo al lavoro di preparazione all’arrivo di Francesco, padre Momma ci dice che per una Chiesa piccola come quella in Giappone, è stato un corso accelerato e un bell’impegno portato avanti anche con l’aiuto di agenzie esterne. Ora c’è la gioia di poterlo ricevere e da parte di molte persone, afferma, c’è l’attesa di poterlo incontrare. Le richieste per la partecipazione ai diversi momenti hanno superato i posti disponibili per cui si è dovuto ricorrere, in alcuni casi, al sorteggio per selezionare le richieste.

Il primo incontro di Francesco sarà con i vescovi

E’ un evento “storico”, lo definisce padre Monna, quello che sta per iniziare, molto importante per una Chiesa che sente il bisogno di un incoraggiamento per andare avanti e continuare a testimoniare i valori del Vangelo. E il primo appuntamento di Francesco, poco dopo l’arrivo, sarà proprio con i vescovi del Giappone nella Nunziatura apostolica. Lo accoglierà a nome di tutti monsignor Joseph Mitsuaki Takami, arcivescovo di Nagasaki e presidente della Conferenza episcopale giapponese. Tre nel Paese le arcidiocesi metropolitane e tredici  le diocesi. Su oltre 126 milioni di abitanti, nel 2017, in Giappone, i cattolici  sono circa 530 mila, pari allo 0,42 per cento della popolazione in maggioranza buddista e scintoista. Altrettanti i membri della Chiesa protestante.

 

Qui l’originale

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni