Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La preghiera non è accumulare meriti, ma entrare in relazione per lasciarsi guarire

MONEY
Tiko Aramyan|Shutterstock
Condividi

Accumulate un tesoro nel cielo: Gesù non smette mai di ricordare a noi, sempre presi dalle cose materiali, che la vera ricchezza non è nel possedere.

In quel tempo Gesù, entrato nel tempio, cominciò a scacciare i venditori,
dicendo: «Sta scritto: La mia casa sarà casa di preghiera. Ma voi ne avete fatto una spelonca di ladri!».
Ogni giorno insegnava nel tempio. I sommi sacerdoti e gli scribi cercavano di farlo perire e così anche i notabili del popolo;
ma non sapevano come fare, perché tutto il popolo pendeva dalle sue parole. (
Luca 19,45-48)

“Entrato poi nel tempio, cominciò a cacciare i venditori, dicendo: «Sta scritto: la mia casa sarà casa di preghiera. Ma voi ne avete fatto una spelonca di ladri!»”

Si percepisce che ci troviamo verso la fine della storia da come il Vangelo diventa breve e drammatico. Gesù non riesce ad avere nessun atteggiamento politicamente corretto davanti a ciò che è radicalmente sbagliato. E tra le cose più sbagliate c’è proprio l’aver pervertito il tempio in un luogo di commercio. Non è la demonizzazione delle cose materiali, ma la confusione che si viene a creare quando a una relazione si sostituisce il commercio delle cose. È come se un uomo che ama una donna smettesse di investire in una relazione e comprendendo le ferite e i vuoti che si vengono a creare per questa mancanza, gli venisse in mente di emendare con una serie infinita di regali. Magari ci sono donne a cui questo piace, ma chi cerca l’amore non può mai accontentarsi delle cose. “Io non voglio i tuoi regali, voglio te”. È questo che sta cercando di dire Gesù con un gesto estremo. Dio non vuole le nostre cose, vuole noi. Non vuole che la nostra preghiera sia uno scambio di favori, ma un incontro tra persone che si amano. Non si può dire di pregare se la mediazione della preghiera è affidata a qualcosa di diverso del cuore. Nella preghiera non esistono meriti, punti paradiso, sensi di colpa, conteggi di peccati; nella preghiera vera esiste il mio cuore che incontra il cuore di Dio. E poco importa se il nostro cuore non è dei migliori. Non è forse per questo che Lo cerchiamo? Lo cerchiamo non per convincerlo ma per lasciarci guarire, sanare, convertire. Ma questa logica innervosisce chi invece ha costruito tutto sui meriti, i sensi di colpa, gli schemi, i riti, le consuetudini:

“Ogni giorno insegnava nel tempio. I sommi sacerdoti e gli scribi cercavano di farlo perire e così anche i notabili del popolo; ma non sapevano come fare, perché tutto il popolo pendeva dalle sue parole”

Dio ci scampi dal pericolo di essere noi gli innervositi del Vangelo di oggi.

#dalvangelodioggi

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni