Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 20 Settembre |
Notre Dame de la Salette
home iconSpiritualità
line break icon

Abbiamo il diritto di piangere, ma anche il dovere di scegliere

CRY

Alessandro de Leo|Shutterstock

don Luigi Maria Epicoco - pubblicato il 21/11/19

Gesù piange. Questo fatto così umano e che associamo alla nostra debolezza ci spiazza e ci apre un nuovo orizzonte: il dolore, l'ingiustizia, la perdita ci danno diritto al pianto, che non sia solo un "piangersi addosso" fine a sé stesso, ma una presa di coscienza per trovare il coraggio e la consapevolezza di andare fino in fondo alla nostra missione.

In quel tempo Gesù, quando fu vicino a Gerusalemme, alla vista della città, pianse su di essa, dicendo:
«Se avessi compreso anche tu, in questo giorno, la via della pace. Ma ormai è stata nascosta ai tuoi occhi.
Giorni verranno per te in cui i tuoi nemici ti cingeranno di trincee, ti circonderanno e ti stringeranno da ogni parte;
abbatteranno te e i tuoi figli dentro di te e non lasceranno in te pietra su pietra, perché non hai riconosciuto il tempo in cui sei stata visitata».

Luca 19,41-44

“Quando fu vicino, alla vista della città, pianse su di essa”

Se di Gesù ci impressionano i miracoli, la misericordia, i segni, le parole, non può passare sotto silenzio anche il pianto del Vangelo di oggi. Poche volte il Vangelo sottolinea il pianto di Gesù, ma anche solo il fatto di menzionarlo lo riempie di una luce nuova. Abbiamo diritto di piangere perché anche Gesù piangeva. Abbiamo diritto di piangere quando ci manca qualcuno, quando lo perdiamo come capitò a Lui con Lazzaro. Abbiamo diritto di piangere quando vediamo a chi vogliamo bene ridursi alla totale infelicità come il racconto della pagina del Vangelo di oggi. Abbiamo diritto di piangere quando la vita ci fa incontrare le sue contraddizioni e la sua ingiustizia come capitò un giorno a Gesù incrociando a Nain il corteo funebre di un ragazzo figlio unico di una madre vedova. Prima di essere le anticamere di grandi miracoli, questi racconti menzionano il pianto come qualcosa che faceva parte di Gesù. Due gravi malattie invece affliggono la nostra vita: o non piangere mai, o piangere sempre. Non piangere mai, molto spesso nasce da un estremo tentativo di proteggersi dal troppo dolore. Si diventa duri e cinici non per cattiveria ma per reazione nei confronti di una vita che è stata troppo difficile. Ma in quella durezza non solo viene schermato il dolore ma anche la gioia. Allo stesso tempo piangere sempre non è indice di libertà ma di incapacità a tenere gli argini degli eventi affinché ci conducano da qualche parte. Non è tanto il pianto in sé, ma è il pianto che non arriva mai a una decisione, a una scelta, a una postura interiore diversa dal vittimismo. Gesù pare dirci che ci sono cose che ci danno il diritto di piangere, come capita a Lui nel Vangelo di oggi nello scorgere Gerusalemme sorda alla conversione. Ma il suo pianto non è fine a sé stesso, non è fuga, ma è al contrario entrarvi dentro, decidersi fino alle estreme conseguenze. Gesù non scappa da Gerusalemme, ma è proprio lì che accoglie il Suo destino ultimo.


#dalvangelodioggi

Tags:
vangelo

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
5
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Paola Belletti
Tre suicidi tra i giovanissimi il 1°giorno di scuola
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni