Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Dio si prende cura di voi, pregate Nostra Signora della Divina Provvidenza

Our Lady of Providence
Condividi

La devozione risale a Cana, ma ha assunto il suo carattere specifico nel XVI secolo

Il racconto evangelico delle nozze di Cana, nelle quali Cristo ha operato il suo primo miracolo grazie all’intercessione di Maria, ci ha portato a un’altra festa, nota come Maria, Madre della Divina Provvidenza, o semplicemente Nostra Signora della Provvidenza.

La devozione a Nostra Signora della Divina Provvidenza non è iniziata specificatamente se non nel XVI secolo, con l’artista Scipione Pulzone che nel 1580 dipinse un quadro della Beata Vergine intitolato Mater Divinae Providentiae.

Nel dipinto, Maria culla tra le braccia il bambino Gesù. Il bimbo stringe il dito della mamma mentre si guardano. Per questo motivo, Nostra Signora della Provvidenza è anche nota come Regina della Casa; il dito di Maria, stretto dalla manina di Gesù, è stato considerato segno del potere che Gesù le dà.

Pulzone dipinse il suo quadro sulla base di una tradizione iniziata nel 1521, quando la Beata Madre era apparsa a Fossano a un uomo incapace di parlare e udire di nome Bartolomeo Coppa.

Bartolomeo era un pastore, e oltre alla sua disabilità aveva un aspetto poco gradevole, che lo faceva evitare dagli altri. Si prendeva cura del suo gregge venendo ignorato quasi da tutti.

Un giorno, mentre era nei campi, vide una bella signora vestita di bianco che gli si avvicinava. Rimase molto stupito, ma sentì subito l’amore e la gentilezza di quella donna sconosciuta. Rimase in piedi e la signora lo benedisse, gli sorrise e in quel momento venne curato da tutte le sue disabilità.

La signora disse a Bartolomeo che voleva che iniziasse a predicare la penitenza alla gente di Fossano, dove molti erano caduti nel peccato. Lo avvertì di dire che se non si fossero pentiti sarebbe caduta su di loro una maledizione mortale. Bartolomeo fece come gli aveva chiesto, ma anche se era miracolosamente guarito la gente non gli fece caso.

Predicò invano per tre giorni, poi tornò sul luogo della sua guarigione miracolosa e si addormentò. La Madonna andò di nuovo da lui, questa volta vestita di blu. Sapeva che era affamato e gli diede tre pagnotte chiedendogli di predicare di nuovo. Lui mangiò un po’ del pane, distribuì il resto e ricordò a tutti i suoi avvertimenti precedenti. La gente, però, non sono non lo ascoltò, ma lo derise.

Sei mesi dopo, una terribile peste scoppiò a Fossano e nei dintorni. Morirono a migliaia, e ovunque regnavano morte e tristezza. Ricordando l’avvertimento di Bartolomeo, la gente si riunì e iniziò a pregare la Vergine chiedendo compassione. La peste scomparve, e sul luogo delle sue apparizioni a Bartolomeo venne costruita una cappella, che venne chiamata Nostra Signora della Divina Provvidenza.

Verso il 1611, un sacerdote dei Chierici Regolari di San Paolo (Barnabiti) si recò a Loreto per pregare per ricevere assistenza finanziaria perché l’ordine potesse portare a termine la sua chiesa di San Carlo ai Catinari a Roma. Quando tornò a casa era arrivata l’assistenza necessaria, e i Barnabiti iniziarono a promuovere la devozione a Nostra Signora della Provvidenza. Nel 1663 venne loro donato il dipinto da Pulzone, che venne collocato nella rettoria di San Carlo, dietro l’altare maggiore, dove venne costruito un semplice santuario per la Madonna.

Ben presto il santuario divenne meta di pellegrini provenienti da ogni parte d’Italia. Molti videro esaudite le proprie preghiere, e la devozione aumentò. Tanti pellegrini grati lasciarono placche votive, che ancora oggi testimoniano le preghiere esaudite attraverso il potere della Madre di Dio. Nel 1774, Papa Benedetto XIV ha istituito la Confraternita di Nostra Signora della Provvidenza.

Da allora, Nostra Signora della Provvidenza ha ricevuto molti onori speciali. Tra questi ci sono l’approvazione da parte di Papa Leone XIII dell’incoronazione solenne della Signora Miracolosa e la Messa e l’Ufficio di Maria, Madre della Divina Provvidenza.

La devozione è oggi diffusa a livello mondiale. A Porto Rico, sull’altar maggiore della cattedrale di San Juan c’è la statua di Nostra Signora della Provvidenza, patrona dell’isola. Nostra Signora della Provvidenza è stata dichiarata patrona di Porto Rico da Papa Paolo VI il 19 novembre 1969, giorno della sua festa. Negli Stati Uniti c’è un Santuario Nazionale di Nostra Signora della Provvidenza a St. Mary of the Woods, nell’Indiana.

Nostra Signora della Provvidenza, prega per noi.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni