Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Anna Raisa Favale e l’amore per la Madonna di Pompei: che bello essere figlie!

Anna Raisa Favale
Anna Raisa Favale
Condividi

La sua breve presenza in TV come ospite di Lucia Ascione su TV2000 è stata una intensa testimonianza di vera devozione a Maria, Madre presente e attiva nella sua vita di credente. Anna si è mostrata come figlia e allieva a scuola di umiltà,di audace fiducia nella provvidenza e di gioia sincera, quel tratto tipico di chi si sente amato, senza merito.

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

Ancora piccola, e spiritualmente immatura, a diciotto anni, mi ha ferito profondamente trovarmi in alcune situazioni che mi hanno mostrato orgoglio, vanità infinite, frustrazioni, violenza espressa in molti modi e perversioni che mi hanno messo a nudo e mostrato la mia debolezza.

Davanti a questo, mi trovavo impreparata.
Avevo questo Rosario che qualcuno mi aveva dato e che avevo appeso al muro della mia stanza. Un giorno sentii questa voce: ‘Inginocchiati e prega il Rosario”. Da lì tutto è cambiato.
Anna ci tiene a far capire questa scoperta, acre ma benefica: non c’era nessun “loro”. Non era lei, buona, che cercava di difendersi da un mondo cattivo, di uscire senza morsi venefici da un covo di serpi. Era immatura, allora, ma ora sa leggersi meglio, anche in retrospettiva. Sa bene che siamo tutti peccatori.
Se fossi scappata da lì, aggiunge ripensando alla domanda della conduttrice che le chiede cosa l’abbia aiutata a restare, non sarei comunque potuta fuggire da me stessa e dal mio peccato. Se di lupi e agnelli bisogna parlare sapevo che io stessa ero portatrice – non sempre sana – di entrambi; non ero la vittima pura in mezzo al male assoluto. Ma Dio non ha paura del nostro buio, Dio non si scandalizza, resta con noi nel buio perché da lì vuole salvarci.
L’Africa è stato il suo primo grande amore e si trova proprio nel punto più estremo del continente nero quando riceve da una perfetta sconosciuta una email che si conclude così: “Ci serve una regista, tu saresti perfetta. Vuoi venire a New York?“…

Ero in Sudafrica e ho ricevuto una mail per andare a New York

Quello che avrei voluto raccontare se ne avessi avuto il tempo è che una serie di Dio-incidenze mi ha portato a New York. Un progetto scritto al volo un giorno in treno, la sera dopo sono a cena da un’amica che non vedo da tre anni, e proprio quella sera a cena arriva un loro amico (mai conosciuto) che ci parla della sua conversione e del suo lavoro in banca con dei clienti molto facoltosi. Allora la prima cosa che mi viene in mente è: ho appena scritto questo progetto, forse lui può aiutarmi a trovare i soldi. Dopo quella sera non la vedrò mai più, ma quella sera basterà. Il progetto finisce nelle mani di una sua amica che abita a New York ed è una delle fondatrici di TeleMATER. Quando mi chiamano per darmi l’incarico di regista mi dicono che sono troppo piccoli e che non possono offrirmi né salario, né visto, ma possono offrirmi vitto e alloggio. Io non so chi sono, non so cosa devo andare a fare, ma in quel momento sto scrivendo un film che si chiama “Abraham Hotel”, sulla chiamata di Abramo e la Terra Promessa in una riscrittura contemporanea, e mi arriva questa e-mail. Sento che devo partire.

Quello che è successo a NY: la Provvidenza di Dio e le altre Dio-incidenze

Scopro che La Madonna di Pompei, che conoscevo fin dall’infanzia ma sulla quale non mi ero mai troppo interrogata, è la Madonna del Rosario. Non lo sapevo! Scopro anche che io abiterò proprio in una stanza del building connesso alla Chiesa. (Avevo finanche le chiavi della Chiesa, potevo entrare in qualsiasi ora del giorno e della notte, che grazia!)
La stessa comunità italiana intorno alla quale è stata creata TeleMATER è devota al Rosario: ogni settimana, di giovedì, organizzano un rosario comunitario nelle casa a Manhattan a cui invitano tutti, anche sconosciuti, a prendere parte.
Trovare visti in America è difficilissimo. Ma dopo solo un mese e mezzo che sono lì, il Signore spalanca le porte e “fa arrivare” un visto per me, anche questo in un modo estremamente provvidenziale. Arriva anche il salario, mi chiedono di restare per un anno e mezzo (in totale si fermerà due anni e ora va e viene spesso e volentieri! NdR).
A New York ho sperimentato la Provvidenza di Dio nelle piccole cose: quando mi hanno chiamato ad andare lì, avevo pochissimi soldi da parte, e considerando che non avrei avuto uno stipendio, facendo i conti sapevo che non avrei potuto spendere più di dieci dollari al giorno, per arrivare alla fine dei tre mesi. Per chi conosce New York, sa che dieci dollari al giorno non sono niente, un caffè da Starbucks costa più di cinque dollari.
Ma la realtà di povertà che trovo lì mi sconvolge: quanti barboni per strada e gente in cerca di aiuto! Sento la spinta a dare, e così spesso i miei dieci dollari giornalieri li do ad un barbone. Un’ora dopo per strada incontro un’amica che mi invita a pranzo, o qualcuno che mi scrive e mi dice che ha un biglietto in più per uno spettacolo teatrale. D’inverno faceva molto freddo e volevo comprarmi un cappello più pesante; ne avevo uno da dieci dollari comprato a una bancarella. Ma quelli buoni costavano tutti dai cinquanta euro in su. Un giorno, in metro, su una sedia, trovo questo cappello molto bello e caldissimo che qualcuno aveva lasciato. Lo prendo, lo porto a casa, scopro che è perfetto per me…(E tutti mi chiederanno dove l’abbia comprato perché era davvero bello…).
(E’ un susseguirsi di episodi, piccole e grandi sorprese che costellano la sua esperienza negli Stati Uniti. NdR)
Non dimenticherò mai che volevo andare a Miami – avevo trovato un volo low cost a cento euro, e avevo deciso di prendere un motel tra i più popolari per una notte, solo per vederla. Stavo quasi per prendere il biglietto quando negli stessi giorni un’amica di un’amica, una sera a cena, dice che stanno organizzando una vacanza a Miami, e che hanno a disposizione una casa sul mare di un amico, e che ci sono stanze in più. “Non è che per caso tu vuoi venire a Miami?”
Mi sono ritrovata a stare tre notti in una casa su una spiaggia privata, e due amiche in più. A Natale non sapevo con chi stare. E un po’ la mia famiglia mi mancava. Succede che un’intera famiglia del Bronx, conosciuta qualche settimana prima per un’intervista, mi invita a pranzo. Mi ritrovo a fare questo pranzo di Natale con tipo quaranta persone e venti bambini… con pacchi regalo, cibo, gioia, grande fede. Il Natale migliore che potessi immaginare.
Il Signore dà tutto, è proprio vero “Cercate il regno di Dio, e tutto il resto vi sarà dato in aggiunta. Non preoccupatevi di quello che mangerete, di cosa indosserete,..”.
Per ultimo: nella parrocchia della Madonna di Pompei iniziarono a fare le Catechesi del Cammino Neocatecumenale, cammino che seguo da tre anni e che è stato così importante per me e continua ad esserlo. Abbiamo fondato lì la prima Comunità Neocatecumenale di Manhattan (puoi immaginare la difficoltà). E sapete chi è la protettrice del Cammino?
Sì Lei: la Madonna di Pompei.
E poi vorrei aggiungere ancora una cosa, davvero l’ultima. Una delle più grandi grazie che mi ha donato Maria è questa: Lei mi insegna a dire “sì”. Quella docilità. nella serenità come nella prova, me la dà solo lei. Quando non capisco il piano di Dio e non lo accetto e la mia anima si ribella e non voglio ascoltare, se mi inginocchio di fronte a Maria, ecco lei mi insegna l’umiltà. Come una madre mi educa, e mi accompagna su una strada che da sola non sarei in grado di percorrere.
Ha ragione Anna, proviamo tutto (dallo yoga, agli antidepressivi, alla paleo dieta, a tutto quello che ci pare vagamente promettente). Provate il Rosario! Proviamo il Rosario.
Anna, come tante persone di fede viva, sa che a pregare si impara pregando e che il Rosario non è magico, ma la Madonna è onnipotente per intercessione. Ed essendo mamma come tutte le mamme è capace di accontentarsi di un mezzo sopracciglio alzato e di interpretarlo come sufficiente manifestazione d’affetto. DiamoLe il pretesto per venirci a prendere e non ci lascerà più!
Grazie Anna, la tua testimonianza così disarmata ci ha invece messo in mano l’arma più potente: con i grani che scorrono tra le dita, i misteri meditati, le preghiere rivolte al Padre, alla Madre di Dio e alla SS. Trinità, si può non solo vincere ogni battaglia ma soprattutto camminare lieti.

Pagine: 1 2

Già che sei qui...

... ci piacerebbe dirti qualcos'altro. Leggi sempre più Aleteia, e siamo davvero felici di far parte della tua vita! La nostra équipe porterà avanti la sua missione tutti i giorni, lavorando per incoraggiare e ispirare la vita cristiana. Vogliamo che i nostri articoli siano accessibili a tutti, che non costino nulla – ma il giornalismo di qualità ha un costo... più di quello che la pubblicità riesce a coprire. Il tuo sostegno è di grande valore per portare avanti il nostro sforzo di nutrire e ispirare la nostra famiglia cattolica.

Tags:
aleteiasanto rosario
Top 10 For Her
  1. I più letti
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni