Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 14 Giugno |
Sant'Antonio da Padova
home iconFor Her
line break icon

L’acqua è alta, a Venezia, ma anche i cuori

VENEZIA

Ihor Serdyukov|Shutterstock

Giovanna Binci - pubblicato il 18/11/19

A Venezia è ancora emergenza: case e negozi allagati da giorni, ma anche tanti volontari, come i ragazzi arrivati al convento di Santa Croce. Perché Venezia non è solo la città dell'amore romantico, ma anche di quello altruista e incondizionato.

L’acqua alta a Venezia ha portato a galla tante cose: quel Mose che funziona e non funziona, l’incapacità tutta italiana di salvaguardare un patrimonio inestimabile che il mondo ci invidia, le polemiche sulle grandi navi e sui cambiamenti climatici che questa città si troverà sempre più spesso a dover fronteggiare per la sua posizione. E poi i libri dell’”Acqua Alta” e di tante librerie, i negozi pieni di merce diventata spazzatura da un giorno all’altro, i mobili dei piani bassi delle case e ancora, pezzi di storia come la musica dell’archivio del conservatorio Benedetto Marcello e la fragilità di quella San Marco che tutti, questi giorni, abbiamo nel cuore.

L’acqua alta a Venezia ha portato via, in quel flusso di incessante di maree che si aspettano contando i centimetri sempre più vicini all’allarmante record del ‘66, tanti ricordi e tanta vita, nelle case di quei veneziani che amano la loro laguna e hanno con quell’acqua un rapporto speciale, ma questa volta, forse, sarà un po’ più difficile perdonarla per essersi presa così tanto.

L’acqua alta ha spazzato via le calle e i ponti della città dell’amore, trasformando baci e sospiri in lacrime e amarezza, ma la speranza quella no, non è riuscita a sommergerla. La speranza dei veneziani e di tanti, soprattutto giovani, arrivati da ogni parte della regione ad aiutare, secchi alla mano, chi sta tentando di riprendersi la propria normalità.

Non siete soli. 

Questo è tutto quello che possiamo darvi, non è molto, forse non è abbastanza, ma è una certezza: nel dolore, non vi lasciamo.


VENICE

Leggi anche:
Che danni ha fatto il maltempo alla Basilica di San Marco? (VIDEO)

Un mare di solidarietà, ben più alto del livello dell’acqua.

Un flusso di almeno 600 “angeli”, come li ha chiamati il patriarca di Venezia, Francesco Moraglia. Quegli stessi giovani sempre attaccati al telefono, sempre distratti e troppo presi dall’ultimo modello di Nike per accorgersi dei problemi degli altri, si sono rimboccati le maniche per fare qualcosa a suon di secchiate. 

Le loro mani, le mani di chi ha perso tutto: no, non siete soli. 

E tra tante storie che rimbalzano sui social, ce n’è una davvero tenera, una che unisce due mondi all’apparenza lontani, che forse, senza questa marea, chissà quando si sarebbero incontrati: un convento di suore e i ragazzi volontari di Venice Calls, l’associazione nata nel 2018 per dare aiuto concreto e gratuito ai cittadini della Serenissima e che, per questa emergenza, ha mobilitato tante mani e tanti cuori.

Il convento di Santa Croce, dove vive suor Antonietta e una decina di sue consorelle dell’ordine di Maria Bambina non è stato risparmiato dall’acqua dei giorni scorsi e così, un gruppo di volontari le ha aiutate a svuotare l’ingresso dell’edificio dove vivono. Fiatone e tanti grazie nei video che girano in queste ore sui social. Maniche arrotolate e sguardi vivi, grati, di chi sta ritrovando la speranza e di chi la sta portando facendo quel poco che può.

E’ bastato mettere il loro numero e subito i ragazzi che avevano visto in TV nei giorni precedenti sono arrivati anche da loro. Credenti, non credenti, mai entrati in un convento in vita loro: non importa. Il dolore ci unisce, mette insieme cose che insieme forse, non ci sarebbero mai state, mette a nudo quella fragilità che ci accomuna tutti, davanti alla quale non possiamo fare altro se non dire “ci sono, non sei solo”.

Così, anche sott’acqua, anzi, soprattutto sott’acqua, Venezia riconferma il suo nome di città dell’amore: quello vero. Quello altruista e disinteressato.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Gelsomino Del Guercio
Strano cerchio bianco sulla testa del Papa. Il video diventa vira...
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni