Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il consiglio di oggi è: in amore, siate falsi! (VIDEO)

ROSE
Di ilovephoto_KA - Shutterstock
Condividi

Non fermatevi al titolo, anzi fermatevi ma soltanto un attimo per accusare il colpo. Forse ogni tanto bisogna chiedersi cosa sia la vera spontaneità, cosa la naturalezza in amore, e cosa lo renda davvero bello.

L’amore è un elastico: a starlo sempre a tirare, prima o poi, anche se è di quello buono, si rompe. Oggi chiudo un occhio io,domani fai una rinuncia tu, prendi i figli, hai pagato Internet?, vado da mia mamma che devo aggiustarle la stufa, passa a comprare l’insalata per cena quando rientri…e via così: tira oggi tu, tiro oggi io, un po’ dalla mia parte, un po’ dalla tua, alla fine la quotidianità allenta anche i rapporti più solidi. È infima, la quotidianità, quando si infiltra giorno dopo giorno, come acqua nelle fessure che trova e che noi, non ci eravamo neanche accorti ci fossero finché una mattina facciamo la doccia…e allaghiamo il bagno.

Ma la quotidianità, a pensarci è proprio il motivo per cui, quel giorno, ci siamo detti “sì”: per condividere tutto, grandi sentimenti e bagni allagati! Forse, a quei due ragazzi freschi, belli, che si baciano sulla parete del salotto, pensiamo di non assomigliare più così tanto, ma in fondo, ce lo ricordiamo bene com’era, quell’amore sconsiderato e passionale, che una volta ci ha fatto mandare cento rose rosse in ufficio.

Quell’amore che, solo a pensarci, ci fa arrossire. A quei due ragazzi lì possiamo assomigliare ancora: ci basta essere un po’ falsi! E non lo dico io, lo dice uno che di relazioni se ne intende, il consulente per coppie e famiglie, Marco Scarmagnani: il segreto per sopravvivere alla routine è recitare (almeno qualche volta!) e soprattutto, recitarla bene, quella parte che poi era la nostra. La conosciamo, anche se il copione è un po’ strappato e dovremmo ripassare qualche battuta. Lo avessi saputo prima, comunque, un bel corso di teatro oltre al corso prematrimoniale lo avrei fatto, giusto per essere davvero preparata a tutto.

Leggi anche: Quando l’innamoramento finisce, inizia il viaggio per l’amore che manda in estasi

E quando ci dicono che l’amore non è solo un bel sentimento, ma qualcosa che si costruisce, il punto è proprio questo: a volte la spontaneità non basta o a volte non c’è, perché tutte le energie se le prende il lavoro e la spontaneità, oggi, l’abbiamo esaurita in ufficio litigando col capo (lì sì che le parole escono con pure troppa enfasi, a volte!). Cosa resta per la nostra relazione, a parte le briciole e la stanchezza? Resta la nostra buona volontà, la voglia di mettere quel “sì” prima di tutto il resto, anche quando lo slancio facciamo fatica a trovarlo. Allora siamo falsi, impegniamoci nei gesti d’amore, nelle attenzioni, ricordiamoci di farli, i complimenti e le sorprese. Pensiamoci, a come erano quei due ragazzi nella foto.

Comunque, pure a essere naturali e autentici e a far vedere all’altro il nostro vero io, quello coi difetti, di cui spesso ci vergogniamo, quello che viene fuori solo tra le pareti di casa, ci vuole un certo allenamento. Non è che sia tutta questa spontaneità. Ci vuole tempo, anche tutta la vita: non ditemi che ai primi appuntamenti vi sparavate tre dessert di fila come fate ora quando vi porta a cena fuori. Alle prime uscite, me la ricordo io l’ansia che mi teneva in bagno a prepararmi almeno venti minuti: no, non era una cosa naturale, era una cosa voluta anche quella, era un po’ finzione anche lei, era voglia di piacere, di donare all’altro solo il meglio.

Ecco, è proprio quella volontà che il nostro essere “falsi” deve ritirare prepotentemente fuori.

 

 

Non fatene una questione di sentimento, di elastici che si allentano e “non sono più come all’inizio, tocca cambiarli”. Fatene invece più una questione di art and craft: inventate, stupite, costruite. Se non avete idee andate su Pinterest! Il giorno che abbiamo detto “sì” abbiamo deciso la meta del nostro viaggio insieme, ma forse non avevamo valutato che la strada per arrivarci andava creata da noi, con gli imprevisti, le salite, le svolte repentine da improvvisare, i fiumi da guadare. Questo però, è anche quello che rende bello e appagante l’amore: non un elastico, che se uno dei due lascia ti fai male, ma un percorso dove ogni tanto capita anche di fermarsi, dove spesso uno dei due deve aspettare l’altro o motivarlo, dove puoi perdere lo slancio o la grinta, ma rimane la volontà di continuare e arrivare in fondo insieme. Freschi e belli come quei due ragazzi sulla parete del salotto (…anche se questa è un po’ una bugia!).

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni