Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La coppia argentina che ha accolto 18 bambini nella sua famiglia

CORDOBA
Capture eldoce | Youtube
Condividi

Licia e Jorge offrono da più di dieci anni un ambiente familiare a piccoli in situazioni difficili

Jorge e Licia vivono nel Barrio Smata di Córdoba (Argentina). Si sono sposati poco più di dieci anni fa e hanno avuto 4 figli. Una di loro, una bambina, è morta.

Dopo la nascita dei figli si sono resi conto che avevano la possibilità di accogliere in casa proporia altri bimbi che per vari motivi erano affidati alla Giustizia ed erano in cerca di un alloggio temporaneo.

È così che sono diventati genitori affidatari.

La benedizione di avere dei bambini in custodia

“Abbiamo tre figli e una in cielo. Grazie a Dio abbiamo la benedizione di avere dei bambini in custodia”, ha dichiarato Licia al quotidiano Arriba Córdoba. “I nostri figli erano piccoli quando abbiamo iniziato. Il primo bimbo che abbiamo accolto aveva un anno, e da lì in poi non ci siamo fermati, uno dopo l’altro”.

La coppia parla della sua esperienza senza darsi importanza. Quella di Licia e Jorge è una famiglia della classe media, che valorizza l’amore che può dare ai bambini al di sopra del lusso materiale.

Da 10 anni è una famiglia affidataria, e questo presuppone – dicono con umorismo – che non abbiano smesso di cambiare pannolini e di alzarsi nel cuore della notte per prendersi cura del più piccolo di casa, che cambia volto ogni pochi mesi.

La gioia di vedere l’amore in loro

Sia Jorge che Licia, che attualmente si prendono cura di un bambino di 5 mesi, riconoscono che è stato difficile distaccarsi dal primo bambino che hanno accolto una volta terminato il periodo di accoglienza. A poco a poco hanno imparato a capire qual è il loro ruolo nella vita di quei bambini, ma di tutti sanno dove si trovino ora e come va la loro vita. “Resta la gioia di vedere che si sono trasformati passando dal dolore all’amore”, ha detto Licia.

Il calore di una famiglia fino alla decisione della Giustizia

Alcuni bambini dopo un po’ di tempo tornano con la propria famiglia biologica, altri vengono dati in adozione. La Giustizia argentina si incarica di ciascuno, e Licia e Jorge, nel frattempo, hanno offerto loro il calore di una famiglia. Allo stesso tempo, i loro figli biologici crescono vedendo la generosità dei genitori, e si rendono sempre più conto di quello che vuol dire crescere in una famiglia che ha più di 20 membri, anche se solo in modo temporaneo.

Questa settimana, la famiglia di Licia e Jorge è stata protagonista di un reportage televisivo che mostra cosa significhi essere una famiglia “di transito”:

 

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni