Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 06 Dicembre |
San Nicola di Bari (da Mira)
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Come Dio agisce attraverso i segni sacri

GOD THE FATHER

Fidelis Schabet | Public Domain

Canção Nova - pubblicato il 11/11/19

Dio, conoscendo il cuore umano e la necessità dell'uomo, usa vari segni per salvarci

di Fábio Nunes

I significati della parola “segno” sono molti. Se cerchiamo in un dizionario cosa vuol dire “segnale”, troviamo come definizione “cosa che ne richiama alla memoria un’altra, che ricorda, che fa ricordare”. Si trova anche “indizio”, “vestigia”, “tratto”, e può poi significare “tratto distintivo”. Partendo da questi concetti di stampo secolare, vedremo che un segno sacro va al di là di una rappresentazione.

In ambiente religioso, il segno sacro può essere usato in vari modi e in diverse situazioni, come i segni dell’Antico Testamento, i simboli liturgici, i sacramenti e i segni che esprimono le realtà spirituali.

La Chiesa fa uso dei sacramentali, anch’essi segnali. Nella Costituzione Dogmatica Sacrosanctum Concilium, emerge chiaramente la loro finalità: “Sono segni sacri per mezzo dei quali, ad imitazione dei sacramenti, sono significati, e vengono ottenuti per intercessione della Chiesa effetti soprattutto spirituali. Per mezzo di essi gli uomini vengono disposti a ricevere l’effetto principale dei sacramenti e vengono santificate le varie circostanze della vita” (n. 60).

Qui di seguito vedremo un po’ di quello che vuole esprimere ogni realtà, ma si noterà che in nessun caso smette di avere un senso comune, che è quello di portare gli uomini a Dio.




Leggi anche:
Consacrazioni, benedizioni, esorcismi: conoscete le 3 categorie di sacramentali?

L’uomo ha bisogno di segni e simboli

L’uomo è al contempo un essere spirituale e un essere corporale, e per questo le necessità sono sia corporali che spirituali. Come abbiamo bisogno di nutrire il corpo e curare la salute, dobbiamo prenderci cura dell’anima, attraverso la preghiera e la ricerca di Dio. I segni sono mezzi per poter mantenere la comunicazione con il corpo, e conoscendone il significato spirituale, comunichiamo anche con la nostra anima.

Nella vita umana, segni e simboli occupano un posto importante. Il Catechismo della Chiesa Cattolica ci dice quello che possono realizzare i segni sensibili nella vita dell’uomo: “In quanto creature, queste realtà sensibili possono diventare il luogo in cui si manifesta l’azione di Dio che santifica gli uomini, e l’azione degli uomini che rendono a Dio il loro culto” (CCC, 1148). Per il fedele credente, i segni sacri sono gli esercizi della sua fede e ausilio nel culto divino.

Simboli dell’Antico Testamento

Il popolo di Israele era costantemente orientato da segni che rappresentavano la presenza di Dio e la sua manifestazione. Il libro dell’Esodo dice che “Mosè salì dunque sul monte e la nube coprì il monte. La Gloria del Signore venne a dimorare sul monte Sinai e la nube lo coprì per sei giorni” (cfr. Esodo 24, 15-16). La nube era il segno mediante il quale il popolo di Israele era certo che Dio stesse agendo in quel momento; era la presenza di Dio in mezzo a lui.

La nube ora scura, ora luminosa, rivela Dio vivo e salvatore. La nube, spesso citata nei testi dell’Antico Testamento, rappresenta la presenza di Dio, come possiamo vedere nel passo in cui Mosè è sul Sinai e la gloria di Jahvè copre tutta la montagna (cfr. Es 24, 15-18). Quando Mosè entrava nella tenda dell’incontro e la colonna di nube si fermava al suo ingresso, Dio parlava lì con il suo servo faccia a faccia (cfr. Es 33, 9-11). Come possiamo percepire, sono molte le manifestazioni di Dio attraverso i segni per parlare con il suo popolo.


CONFIRMATION

Leggi anche:
I 7 desideri del nostro cuore a cui rispondono i 7 sacramenti

Simboli e segni liturgici

La celebrazione a cui partecipa il cristiano è piena di segni e simboli, che secondo la pedagogia di Dio sono mezzi divini per arrivare agli uomini, essendo gli uomini esseri corporali e spirituali com’è stato detto in precedenza. In tutta la Liturgia sacramentale, i simboli come la luce, il fuoco e l’acqua fanno riferimento alla creazione; si riferiscono anche alla vita umana, come lavare, ungere o spezzare il pane; rappresentano infine allo stesso tempo la storia della salvezza nel rito della Pasqua (CCC 1189).

Nella stessa sfera ci sono anche le immagini sacre che, come gli oggetti della celebrazione liturgica, si riferiscono a Cristo. Le immagini della Madonna e dei santi servono come segni per comunicare al popolo di Dio l’azione di Cristo nella vita di tanti uomini e tante donne che la Chiesa ha riconosciuto come veri cristiani. Tutte queste forme sono manifestazioni di Dio che la Chiesa usa per comunicare qualcosa; in genere sono la grazia e la presenza di Dio stesso che agisce nel popolo.

Sacramenti come segni

I sacramenti sono davvero segni sacri, attraverso i quali lo Spirito Santo realizza la santificazione. La Chiesa, nella sua saggezza, dà tutto un senso spirituale e arricchisce i segni naturali: “I sacramenti della Chiesa non aboliscono, ma purificano e integrano tutta la ricchezza dei segni e dei simboli del cosmo e della vita sociale” (CCC, 1152).

Mediante i sacramenti, la Chiesa realizza la santificazione degli uomini e l’edificazione della Chiesa stessa, che è il corpo mistico di Cristo. Dio agisce attraverso i sacramenti, segni efficaci della grazia di Dio, istituiti da Cristo e affidati alla Sua Chiesa, dalla quale è dispensata la vita (CCC, 1131).




Leggi anche:
Tutti i sacramenti portano all’Eucaristia

I segni servono a capire ed esprimere le realtà spirituali. È Dio che parla agli uomini attraverso segni visibili della creazione. Dio comunica, attraverso il cosmo, perché ogni uomo veda le tracce del suo creatore. Questi segni sensibili diventano il luogo dell’azione di Dio (CCC, 1148).

Dopo questa spiegazione di maniere, situazioni, mezzi e “artifici” che Dio spesso usa per comunicarci la grazia, è chiaro che il nostro Dio (conoscendo il cuore umano e la necessità dell’uomo) usa vari segni per salvare. Dio conosce la nostra poca fede, come hanno detto gli apostoli: “Aumenta la nostra fede!” (Lc 17, 6). I segni diventano necessari perché con la poca fede possiamo compiere passi in direzione di Dio. L’uomo manca di sensibilità, e quindi Dio agisce con molti segni per giungere a tutti.

Tags:
diosacramentalisacramenti
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni