Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La Nazionale italiana cantanti in visita alla scuola francescana di Gerusalemme

NAZIONALE, ITALIANA, CANTANTI, GERUSALEMME
Condividi

Il Presidente Paolo Belli insieme a Niccolò Fabi, Neri Marcoré, Briga e gli altri cantanti-calciatori hanno trascorso qualche giorno in Terra Santa toccando con mano la speranza che è dare ai bambini uno spazio educativo di pace e accoglienza.

“Braccia tese, braccia in alto, ruotate le spalle”. Ogni mattina, prima di iniziare le lezioni, i ragazzi del Terra Santa School, la scuola francescana di Gerusalemme, fanno esercizi di ginnastica per sgranchire le membra e iniziare con maggiore carica la giornata. Anche martedì 29 ottobre è cominciato come tutte le altre mattine, ma ad assistere al consueto rituale c’erano degli ospiti d’eccezione: i calciatori della Nazionale Italiana Cantanti.

Leggi anche: E perché non fare un pellegrinaggio in Terra Santa come viaggio di nozze?

Dal 28 al 31 ottobre, infatti, la nota squadra di calcio composta da artisti musicali italiani, che da quasi 40 anni “si esibisce” sui campi sportivi di tutto il mondo in partite a scopo benefico, è venuta in Terra Santa per un viaggio particolare. Sono trascorsi quasi venti anni dalla celebre ‘Partita del Cuore’ avvenuta nel 2000 a Roma tra cantanti e giocatori italiani contro una squadra mista di palestinesi e israeliani. Fu la prima volta nella storia in cui israeliani e palestinesi giocarono nella stessa squadra ed il match si svolse alla presenza del ministro israeliano della Cooperazione regionale Shimon Peres e del presidente dell’Autorità palestinese Yasser Arafat. “Fu un evento simbolico”, dichiara Niccolò Fabi, cantautore italiano che prese parte alla partita e alla delegazione che si operò per la riuscita dell’evento. “Per me fu incredibile, da artista, poter entrare a contatto di un meccanismo politico e diplomatico di realtà molto più grandi e complesse”. Fabi ricorda con emozione i momenti a Ramallah a fumare narghilè con Arafat ascoltando le sue ragioni e gli sforzi con Perez per rendere nel modo migliore la simbolicità di quell’evento. “Fu l’ultima volta che Perez e Arafat si fecero vedere insieme e si strinsero la mano, poi – da lì a poco – cominciò la seconda intifada e purtroppo quel minimo di distensione che sembrava esserci fu di nuovo perduta” commenta con amarezza.

Dopo quasi venti anni dall’incontro, Fabi ritorna in Terra Santa, insieme alla squadra guidata oggi dal presidente Paolo Belli, per quattro giornate fitte di incontri ed iniziative benefiche: dalla visita al Centro Peres for Peace, agli incontri istituzionali con l’Amministratore Apostolico mons. Pizzaballa, l’Ambasciatore e il Console italiani e la visita alle tombe dei due presidenti, con la conclusiva ‘Partita del Cuore’ giocata nello stadio Al-Khader di Betlemme contro una squadra di artisti e giocatori palestinesi.

“Gli incontri sono la parte più importante del viaggio, e soprattutto, la parte più importante della Nazionale Cantanti, il cui scopo non è semplicemente devolvere del denaro in beneficenza, ma anche far sentire riconosciute e gratificate tutte quelle realtà sparse per l’Italia e a livello internazionale che si muovono in progetti non sempre facili da realizzare” commenta Fabi. Neri Marcorè, attore e conduttore televisivo, altro emblematico volto della Nazionale Cantanti, ha ricordato come nel corso dei 40 anni di attività, l’associazione abbia raccolto più di 92 milioni di euro in iniziative solidali.

Leggi anche: “Dopo qualsiasi azione spontanea e banale ho sempre avuto in cambio il mondo”

L’arrivo degli artisti al Terra Santa School è stato accolto con gioia da tutti i bambini e ragazzi che hanno presentato la scuola, recitato poesie e canzoni “La cosa che mi ha colpito è tutta la preparazione che c’è stata per incontrarci, dai bambini dell’asilo ai più grandi” dichiara Briga, giovane cantautore. “Un benvenuto molto particolare e in tre lingue, inglese italiano ed arabo. Mi sembra chiaro che in questa scuola cresceranno bambini poliglotti e aperti al mondo!”

NAZIONALE, ITALIANA, CANTANTI, GERUSALEMME
Christian Media Center - Italian | Youtube

Il presidente della squadra, Paolo Belli, emozionatissimo nel suo primo viaggio in Terra Santa, si è messo a scherzare con le classi festanti: “Mi piace essere artista e mi piace giocare, soprattutto con i bimbi. Oggi ho giocato con i bimbi ma in realtà erano loro che facevano giocare me. Ho l’impressione che i bambini abbiano molta voglia di pace. Noi diamo loro musica e calcio, componenti fortissime per aggregare le persone, ma in questi giorni cercherò di dare loro quello che loro danno a me”.

I bambini hanno da sempre un posto speciale nel cuore degli artisti della nazionale: oltre alla visita del Terra Santa School, diretta dal promotore dell’incontro fra Ibrahim Faltas, gli altri appuntamenti del viaggio solidale previsti insieme all’autrice di libri per ragazzi Elisabetta Dami, la celebre ideatrice di Geronimo Stilton, sono alla scuola Santa Maria Ausiliatrice e alla scuola per ipovedenti Helen Keller di Bet Anina.

Leggi anche: Una voragine grande come Dio nel cuore, il battesimo di Demi Lovato nel Giordano

È stato Briga, uno dei più giovani in campo, a sottolineare l’importanza della scuola in questa complessa realtà, riconoscendo il ruolo fondamentale dei francescani e di associazioni come Associazione pro Terra Sancta che sostengono progetti educativi: “Poter constatare che qualcuno sia venuto qui per poter risollevare le sorti di una terra che spesso è stata maltratta nel corso della storia è una cosa meravigliosa. Possiamo osservare con i nostri occhi quanto qualcuno qui si sia impegnato per poter garantire un’integrazione, mettendo insieme bambini cristiani e musulmani sin dalla tenera età, insegnando loro il rispetto delle diversità.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA ATS PRO TERRA SANTA

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.