Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Ecco perché Il Signore degli Anelli è un romanzo cristiano cattolico

JOHN RONALD REUEL TOLKIEN
EAST NEWS
Condividi

Non per i contenuti, ma lo è per la mentalità – toccata dalla fede – con cui l’ha scritto Tolkien

John Ronald Reuel Tolkien descrive “Il Signore degli Anelli” come «un’opera religiosa e cattolica”». Ma è meno chiaro in cosa consista davvero l’impronta cattolica del capolavoro. Prova a spiegarlo Giuseppe Pezzini in un interessante articolo su Il Sussidiario (8 novembre).

Non è cattolica per i contenuti

Il Signore degli Anelli, sostiene Pezzini, non è un’opera cattolica perché i suoi contenuti possono essere associati ad aspetti tipici della devozione cattolica; posso citare per esempio il carattere cristologico di personaggi come Gandalf, Sam, Frodo e Aragorn, il simbolismo eucaristico del pane “lembas” elfico, i paralleli cronologici tra l’arco temporale del romanzo e l’anno liturgico, la caratterizzazione mariana di Galadriel, e così via.

Tolkien © AFP

Non è cattolica in senso etimologico

L’opera di Tolkien, prosegue l’autore, non è neanche “cattolica” in senso etimologico, e cioè per la sua accessibilità e universalità, anche se queste erano proprio le sue aspirazioni: con l’ambientazione precristiana del romanzo Tolkien desiderava infatti parlare alla totalità della sua società contemporanea post-cristiana. Queste aspirazioni si sarebbero realizzate, affascinando milioni di lettori di ogni provenienza, e risvegliando in loro il “desiderio di cose grandi” (come fa Gandalf con gli Hobbit).

Non è cattolica per “valori” e “concetti”

Infine, e soprattutto, il cattolicesimo di Tolkien non dipende neanche dal repertorio di “valori” o “concetti” (presunti) cattolici, che vengono spesso identificati nel romanzo da molti lettori – dall’amicizia al sacrificio di sé, dal potere della misericordia all’ecologia, per citarne solo alcuni. I libri di Tolkien rappresentano certamente in forma simbolica elementi della verità cristiana: del resto Tolkien stesso ammise “di avere come oggetto unico l’elucidazione della verità e l’incoraggiamento di una morale buona nel mondo reale”.

La mentalità in cui è nato il romanzo

Ciò che è veramente cattolico in Il Signore degli Anelli, osserva Pezzini su Il Sussidiario, è semmai la natura della sua origine, la strada o il metodo che Tolkien ha seguito per scriverlo, la mentalità in cui il romanzo è nato e si è poi sviluppato.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni