Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Non vi sentite più cattolici? Allora, provate questo!

MŁODY MĘŻCZYZNA
Mikail Duran/Unsplash | CC0
Condividi

Se mettete tutto in discussione e vedete solo divieti che vi limitano, forse state vivendo una fede superficiale. È ora di fare qualcosa!

Credo che il pericolo del credente sia la superficialità nella fede. Quando manca l’amore personale sorgono sempre i dubbi. Quando il mio amore nei confronti della persona amata si raffredda, smetto di confidare in lei e sospetto. Si insinua il dubbio. Non la ammiro più come prima.

Senza amore la fede vacilla. Do importanza alle cose sciocche, piccole, senza valore. Quando la mia fede nella Chiesa non è centrata sull’amore personale per Gesù è impossibile che la mia fede sia solida.

Lo sarà finché mi conformerò a spiegazioni infantili e non metterò in discussione nulla di quello che mi viene chiesto. Quando non darò importanza alla fede imparata a scuola, in famiglia. Finché decido di non approfondire non c’è problema. Vivrò una fede superficiale che ancora non si è confrontata con la vita.

Più tardi, però, crescendo, quando le domande smettono di essere infantili e hanno più peso perché hanno a che vedere con la vita reale, allora sospetterò, condannerò quella Chiesa esigente e antiquata.

Leggi anche: Senza Cristo è facile disperdere tutto ciò che di prezioso hai nella vita!

La Chiesa diventa così una madre dura che non fa che proibire, limitare e imporre. Una madre che, in cambio del mio buon comportamento, non mi dà niente di concreto nella vita, solo la dolce promessa di un cielo eterno.

E vivo eludendo i peccati per rispettare la richiesta di una vita pura e senza macchia. Posso anche arrivare a pensare che legandomi a Dio sarò più sicuro. Vana illusione.

All’improvviso verifico che il male sotto forma di disgrazie, malattie, perdite o incidenti può arrivare a chiunque. Non importa se crede o meno in quel Dio provvidente.

Che vantaggi ha il fatto di credere in quel Dio che non fa che proibire e comandare senza alcuna gioia nella vita? Vivere in Dio non mi protegge, non mi salva dai problemi, non mi rende la vita più facile. Non compensa. Sorgono i dubbi giustificati.

Una madre che non fa che esigere non è una buona madre. È una madre che non mi aspetta a braccia aperte ogni giorno alla porta di casa, senza chiedermi dove sono stato e cosa ho fatto.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.