Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Corruzione, giustizia, carità e il 7° Comandamento

PRAWO, SPRAWIEDLIWOŚĆ
Shutterstock
Condividi

Il settimo Comandamento della Legge di Dio sottolinea il valore primordiale e l’importanza del lavoro

“Il settimo comandamento proibisce di prendere o di tenere ingiustamente i beni del prossimo e di arrecare danno al prossimo nei suoi beni in qualsiasi modo. Esso prescrive la giustizia e la carità nella gestione dei beni materiali e del frutto del lavoro umano. Esige, in vista del bene comune, il rispetto della destinazione universale dei beni e del diritto di proprietà privata. La vita cristiana si sforza di ordinare a Dio e alla carità fraterna i beni di questo mondo” (CCC, 2401).

“Non rubare” è una frase messa molto in discussione oggi che la corruzione, sviare denaro o estorcerlo sembra normale, ma questo comandamento esige il bene comune, il rispetto dei beni altrui.

Il settimo comandamento proibisce di rubare e insegna che ogni persona deve lavorare onestamente per sostentare la propria famiglia.

“Non rubare” sottolinea il valore primordiale e l’importanza del lavoro. L’uomo ne è autore e destinatario, e attraverso il suo lavoro partecipa all’opera della creazione unito a Cristo. Il lavoro può essere redentore. Il lavoro è la sentinella della virtù.

La Parola di Dio è piena di condanne del furto. La Bibbia espone molto chiaramente una posizione contraria alla corruzione. Si oppone all’ingiustizia dei più deboli e allo sfruttamento del salario dei lavoratori. Dice San Paolo: “Né ladri, né avari, né ubriaconi, né maldicenti, né rapaci erediteranno il regno di Dio” (1 Cor 6, 10).

I profeti accusavano coloro che sfruttavano i fratelli, e ogni furto richiede riparazione.

Ricordiamoci di Zaccheo, che si è sentito a disagio alla presenza del Figlio di Dio perché Gesù sapeva che era corrotto e ha promesso di restituire il quadruplo di quello che aveva rubato. La giustizia esige la restituzione del bene rubato, sia esso di una persona o di un’istituzione dello Stato.

Il Catechismo della Chiesa e la stessa dottrina sociale della Chiesa dicono proprio questo: l’ingiustizia richiede una riparazione (CCC, 2419).

La giustizia implica una riparazione. Riguardo al “Non rubare”, la dottrina sociale della Chiesa ci mette davanti a vari elementi che feriscono la dignità.

Tutta l’attività economica della giustizia sociale comporta la responsabilità dello Stato: accesso al lavoro, al giusto salario.

Dev’esserci una preoccupazione, al di sopra di tutto per la persona umana e per tutti i diritti ad essa collegati.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.