Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La piccola cosa necessaria perché Dio ti curi

DOTYK
kuzmaphoto | Shutterstock
Condividi

Cosa devo fare per ottenere quello che desidero? Cosa mi chiede Dio? Poco

Gesù passa per la vita di alcuni lebbrosi. Ciò che conta è stare a metà del cammino quando Egli passa:

“Durante il viaggio verso Gerusalemme, Gesù attraversò la Samaria e la Galilea. Entrando in un villaggio, gli vennero incontro dieci lebbrosi i quali, fermatisi a distanza, alzarono la voce”.

Avevano la lebbra. All’epoca di Gesù era una malattia incurabile e portava all’isolamento sociale
e alla morte. Solo un miracolo può salvare il lebbroso.

Gesù passa e incontra i lebbrosi. Gesù passa sempre nel luogo in cui mi trovo. È il mistero di Gesù e il mistero della mia vita.

Non importa il luogo in cui mi trovo: se sono lontano, se vivo al margine, se mi sento in mezzo a una grigia routine… Passa sempre davanti a me.

L’ho sperimentato tante volte nella vita. Anche se nessuno passa, Lui passa sempre. Non devo uscire dalla mia vita per incontrarlo. Non devo fare grandi cose.

Leggi anche: Vuoi accogliere Gesù nella tua vita, nutrirti del pane del cielo?

Nella mia quotidianità, Gesù si fa presente. È ogni giorno in cammino verso di me, e passa per la mia storia, per la concretezza della mia vita. Quella certezza cambia il mio modo di vedere tutto.

Gesù si fa pellegrino come me per camminare al mio fianco, per calpestare le mie impronte. Come fa oggi con i lebbrosi che vivono emarginati. Rifiutati da tutti.

Si fermano lontano. Non osano avvicinarsi. Conoscono la legge che li obbliga ad allontanarsi. La loro malattia li separa dalla società e da coloro che amano.

È difficile doversi allontanare per proteggere i propri. Gridano e si fermano lontano. Mi commuove il loro grido: “Gesù maestro, abbi pietà di noi!”

Non chiedono di guarire. Si saranno sentiti tante volte esclusi, maltrattati, sminuiti. Chiedono solo compassione. Che si commuova, che li veda.

Gesù li guarda. Immagino il suo sguardo. Sicuramente guarda ciascuno. Ciascuno porta il proprio dolore in modo diverso. È sempre così.

Vedendoli, scopre la loro sofferenza e i loro desideri, la loro storia difficile e lontana dagli altri. E si commuove. Non guarda dall’altra parte. Non li rifiuta. Parla con loro. E chiede una piccola cosa perché siano curati.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.