Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

L’onore di accompagnare il funerale di chi non ha nessuno

Shutterstock-Kzenon
Condividi

La Confraternita di San Rocco e della Misericordia di Lisbona seppellisce le persone il cui corpo non è stato reclamato da nessuno

In occasione dell’ultima solennità dei defunti, l’agenzia cattolica portoghese Ecclesia ha pubblicato un reportage sulla Confraternita di San Rocco e della Misericordia di Lisbona, che nella capitale portoghese ha dato sepoltura a 128 uomini, donne e bambini i cui corpi non erano stati reclamati da nessuno.

La professoressa e consulente Ana Cristina Frias ha deciso quattro anni fa di offrirsi volontaria per quest’opera di misericordia svolta dalla confraternita, dopo aver partecipato a una celebrazione eucaristica per le anime delle persone morte in stato di abbandono.

“Non giudichiamo nessuno e nessuna circostanza”, ha commentato. “Per i volontari è un onore realizzare questo accompagnamento spirituale e partecipare alla preghiera del sacerdote. Ho pensato che era una cosa che potevo fare e che mi sarei sentita onorata. Il passato e il contesto di vita della persona non contano. Dobbiamo conoscerne il nome per una questione di dignità e perché fa parte del compito della confraternita garantire che i rituali siano seguiti adeguatamente per conferire questa dignità, ma è irrilevante quello che una persona faceva, dove si trovava, se è morta per strada o in quali circostanze”.

Circa 30 volontari affidano simbolicamente a Dio l’anima delle persone abbandonate al cui funerale partecipano.

“Alcuni cristiani possono non sentirsi chiamati a questo tipo di volontariato, perché in generale le persone fuggono dalla morte, dai funerali… Solo andare in un cimitero o a un funerale provoca disagio. È una realtà anche per molti cristiani. Superato questo, tutti possono farlo”.

Quando un corpo resta più di 30 giorni senza essere reclamato da nessuno, l’agenzia funebre contatta la Confraternita di San Rocco e della Misericordia di Lisbona per informare sulla data e l’ora del funerale in uno dei quattro cimiteri della città, e chiede un volontario per l’accompagnamento. Alla cerimonia partecipano sempre un sacerdote o un ministro delle esequie e un volontario.

Il costo della sepoltura è a carico della Santa Casa della Misericordia e dell’agenzia funebre. Le difficoltà finanziarie sono tra le cause del mancato reclamo di un corpo. Ci sono situazioni in cui i parenti semplicemente non hanno risorse per pagare la sepoltura di un familiare. Ana Cristina Frias commenta che questa situazione è più frequente nelle grandi città, perché nei centri più piccoli i legami sono più stretti.

La volontaria ha poi parlato dei casi tristi e toccanti in cui i corpi in attesa di una sepoltura degna sono di bambini.

“Capita di partecipare a una cerimonia funebre di bambini nati morti o più grandi. È più raro ma succede”.

Seppellire i defunti è una delle sette opere di misericordia corporale.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni