Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 06 Agosto |
Sant'Oswaldo di Northumbria
home iconStile di vita
line break icon

Il “mandatum coniugale”: un gesto che è un toccasana per il matrimonio

ROZMOWA

fizkes | Shutterstock

Camille de Longvilliers - pubblicato il 06/11/19

In coppia, dobbiamo incessantemente rinnovare e abitare i nostri gesti, non lasciare che diventino routine e che perdano così il loro senso. Nel contesto de L’Arche, Jean Vanier pose dei gesti forti con delle persone handicappate, segni visibili dell’amore portato a ogni persona, unica e insostituibile.

La scorsa estate due frati domenicani – Antoine e Xavier – hanno organizzato con due coppie di amici un ritiro “Assistenza clienti del matrimonio”, indirizzata a tutte le coppie che avevano preparato al matrimonio. Al centro di un programma insieme conviviale e arricchente, le coppie hanno avuto modo di scambiarsi un dono che è una bomba d’amore. Non una cenetta romantica, né una nuova icona, ma un gesto vissuto e profondo: il mandatum, il “comandamento nuovo”, reciprocamente dato e accolto. Ogni moglie ha lavato le mani del marito e poi quest’ultimo, imponendogliele sulla testa, l’ha benedetta. Poi il marito ha lavato le mani della moglie, la quale l’ha successivamente benedetto.


DANCING

Leggi anche:
3 parole da ricordare se volete la felicità duratura nel vostro matrimonio

La benedizione non è un gesto riservato ai soli ministri ordinati: per il sacerdozio battesimale essa è in qualche modo accessibile a tutti i membri del popolo regale. E così in una coppia questo gesto è una richiesta al Signore di venire a benedire la propria moglie, il proprio marito, Egli stesso che è presente al cuore di quella casa mediante il sacramento del matrimonio. È pure un gesto di rispetto: «Ti amo e tu non mi appartieni», «Ti amo come persona, con le tue forze e con le tue fragilità». In ultimo, è un gesto di servizio: «Ti amo e voglio servirti, renderti la vita più bella ogni giorno che passa, dimenticare le mie fissazioni per mettermi al tuo servizio».

«Con questo gesto di vera intimità, abbiamo potuto rimettere al centro della nostra vita di coppia la nozione del dono di sé», testimonia una coppia.

Esso ci ha ricordato l’importanza del sostegno dell’altro, del suo sguardo, dell’attenzione da portargli in tutto quello che facciamo quotidianamente.

Al punto 323 dell’esortazione apostolica Amoris Lætitia, Papa Francesco esorta così ogni coppia:

È una profonda esperienza spirituale contemplare ogni persona cara con gli occhi di Dio e riconoscere Cristo in lei. Questo richiede una disponibilità gratuita che permetta di apprezzare la sua dignità. Si può essere pienamente presenti davanti all’altro se ci si dona senza un perché, dimenticando tutto quello che c’è intorno. Così la persona amata merita tutta l’attenzione. Gesù era un modello, perché quando qualcuno si avvicinava a parlare con Lui, fissava lo sguardo, guardava con amore (cfr Mc 10,21). Nessuno si sentiva trascurato in sua presenza, poiché le sue parole e i suoi gesti erano espressione di questa domanda: «Che cosa vuoi che io faccia per te?» (Mc 10,51). Questo si vive nella vita quotidiana della famiglia. In essa ricordiamo che la persona che vive con noi merita tutto, perché ha una dignità infinita, essendo oggetto dell’immenso amore del Padre. Così fiorisce la tenerezza, in grado di «suscitare nell’altro la gioia di sentirsi amato. Essa si esprime in particolare nel volgersi con attenzione squisita ai limiti dell’altro, specialmente quando emergono in maniera evidente».

E nelle Scritture leggiamo anche: «Vi ho dato l’esempio perché come io ho fatto a voi, così anche voi facciate gli uni gli altri» (Gv 13,15). In seno alla coppia, altrettante comunità in cui ciascuno cresce secondo i propri tempi e col proprio passo, invochiamo lo Spirito Santo perché accenda i cuori con questo gesto d’amore.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
benedizionecoppiamatrimonio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
MADELEINE PAULIAC
Sandra Ferrer
La dottoressa che aiutò a partorire delle suore violentate
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
DEVIL, 2020, ADVERTISING
Gelsomino Del Guercio
Il potere malefico degli angeli cattivi: fin dove può arrivare il...
4
BISHOP BARRON
Francisco Vêneto
Il vescovo Barron mette in guardia sull’ideologia del testo...
5
CARLO ACUTIS
Violeta Tejera
La prima vetrata che ritrae Carlo Acutis in jeans e scarpe da gin...
6
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
7
DOCTOR
Vanderlei de Lima
La sofferenza è una punizione di Dio?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni