Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“Non passare oltre, mi sento solo”, dice Gesù dal tabernacolo

CANONISATION JOHN PAUL II AND JOHN XXIII
JEFFREY BRUNO | ALETEIA
Condividi
Questa mattina ho sentito il bisogno di far visita a Gesù nel tabernacolo. Mi è successo in varie occasioni di essere occupato e all’improvviso sentire nel cuore come una voce, una chiamata: “Claudio, vieni a trovarmi”. Devo riconoscere che all’inizio non ci faccio caso. Sono così pieno di cose… Ma insiste e lascio tutto: “Va bene, Signore, vengo”. E quando arrivo scopro il motivo: era solo.

C’era una bella cappella non lontano da casa mia, presso l’arcivescovado. Ho imparato che dobbiamo essere docili alle ispirazioni dello Spirito Santo. Di fronte alla sua insistenza non ci ho pensato due volte e sono venuto. Sono qui ora mentre scrivo, in compagnia di Gesù sacramentato.

Mi piace molto venire. A volte, come oggi, lo trovo solo e faccio piccole follie d’amore: canto per Lui. È quello che ho fatto qualche momento fa. Gli ho cantato questa bella canzone della mia infanzia, quando mi hanno insegnato ad amarlo e rispettarlo:

Cantiamo all’Amore degli Amori,
cantiamo al Signore,
Dio è qui, venite adoratori,
adoriamo Cristo Redentore!
Gloria a Cristo Gesù,
cieli e terra, benedite il Signore,
onore e gloria a Te, re della gloria,
amore per sempre a Te,
Dio dell’Amore!

All’improvviso l’ho sentito così solo… Ho voluto consolarlo e ho continuato a cantare. Era come se dicesse a tutti noi: “Vieni a trovarmi, sono qui, per te. Non ho bisogno di rimanere qui, ma l’amore mi spinge a stare con te, fino alla fine dei tempi. Non lasciarmi solo, mi mancano le tue parole, i tuoi bei gesti d’amore. Non passare oltre, entra a trovarmi. Sono qui”.

Leggi anche: Perché in alcune chiese il tabernacolo è coperto da un velo?

Gli ho risposto: “Sono qui, Gesù, non sentirti solo. Sono venuto per te, per stare con te. Perdona le nostre indifferenze e il nostro poco amore. Le offese, i nostri tanti peccati… Perdona, Signore”.

Sono rimasto per un bel po’ a guardarlo in silenzio. Adoro rimanere in silenzio, perché ascolto dentro. Percepisco il suo amore infinito. È un’esperienza meravigliosa. Gesù e te. Tutto il resto è in sovrappiù in quel momento.

Cosa bisogna fare quando si fa visita a Gesù nel tabernacolo? La stessa cosa che fai quando vai a trovare un grande amico. Gli fai compagnia, condividi con lui, gli parli delle tue cose, gli chiedi consiglio. Altre volte, quando visiti Gesù nel tabernacolo, l’unica cosa che devi fare è stare con Lui, accompagnarlo, perché non si senta solo. È molto triste un tabernacolo abbandonato, in cui i giorni passano e nessuno fa visita a Gesù. Io adoro andarlo a trovare e dirgli che gli voglio bene.

Gentile lettore, posso chiederti un favore? Quando andrai a trovare Gesù nel tabernacolo digli: “Claudio ti manda i suoi saluti”.

Dio vi benedica

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.