Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 09 Marzo |
San Giovanni di Dio
home iconStile di vita
line break icon

Ti lamenti spesso? Hai una buona occasione per essere santo!

HBRH/Shutterstock

Catholic Link - pubblicato il 02/11/19

di María Belén Andrada

Nel mio Paese, il Paraguay, quando una persona si lamenta molto si dice che “se plaguea” o che è molto “plagueona”. Ho pensato che questo termine derivi forse dalla parola “plaga”, “piaga”, e ho riflettuto sul fatto che c’è davvero una grande somiglianza tra le lamentele e le piaghe.

Ad esempio, quando vediamo una formichina che passeggia sul tavolo di cucina non ci facciamo troppo caso, ma se vediamo una fila di questi animaletti cerchiamo subito l’insetticida. Non è neanche raro sentire qualcuno che si lamenta del caldo, ma quando il “Che caldo!” diventa un “Non funziona l’aria condizionata, il ventilatore non è sufficiente e nel freezr non si è ancora formato il ghiaccio”, la compagnia della persona che si lamenta inizia ad essere un po’ fastidiosa, e cerchiamo di porre fine alla conversazione e di allontanarci un po’. E se siamo noi a lamentarci, spesso non ci sopportiamo.

Continuando con questo parallelismo, con l’insetticida riusciamo a eliminare la fila delle formiche, ma se non cerchiamo l’origine di questa mini-invasione, presto riapparirà nello stesso posto o in un altro. Credo che con le lamentele accada lo stesso: se non scopriamo perché abbiamo la tendenza a cercare l’aspetto negativo, questo modo di parlare diventerà naturale. Innanzitutto risulteremo scomodi per gli altri, e in secondo luogo, senza rendercene conto, retrocederemo nella vita interiore.

1. Scoprire l’origine

Credo che sia importante farlo, perché in base al motivo per cui ci lamentiamo tanto potremo applicare l’una o l’altra medicina. Se il problema è ascetico o spirituale possiamo esercitarci nella preghiera, per avere un rapporto più intimo con Dio che ci mostri che possiamo confidare in Lui. Che vale la pena di sperare in Lui, che sa quello che fa.

L’origine può però essere umana, semplicemente perché abbiamo acquisito la cattiva abitudine di parlare lamentandoci, forse senza cattive intenzioni. In questo caso, possiamo provare a “morderci la lingua” o a praticare la virtù della discrezione o della prudenza nel parlare, esercitandoci un po’, magari cercando un aspetto specifico (come sport, clima, compiti universitari o lavorativi…) di cui non lamentarci.

Ricordiamo che le virtù umane sono la base per quelle soprannaturali, per cui acquisendo abitudini positive forgiamo virtù che ci aiuteranno poi nell’ambito spirituale. Come ho detto, la fede, la speranza o la carità.

Ci può essere tuttavia anche un terzo motivo, quello psicologico. Quando vediamo tutto nero (o grigio scuro), può essere che stiamo attraversando qualche momento di ansia o depressione. In questo caso, anche se possiamo mettere in atto i mezzi per sforzarci per trovare un po’ di luce, è necessario ricorrere a un terapeuta o a personale specializzato perché ci dia una mano.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
lamentarsi
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Lucandrea Massaro
Blasfemia a Sanremo: “Perché mi percuoti?”
2
MAN, DARKNESS, FACE
Annalisa Teggi
Quando al diavolo scappò detto cosa può davvero fare la preghiera
3
SANREMO, FIORELLO, AMADEUS
Annalisa Teggi
10 canzoni che hanno parlato di Dio dal palco di Sanremo
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
6
FETUS 3 MONTH,
Padre Maurizio Patriciello
Puoi parlare di aborto perché tua madre non ti fece trascinare vi...
7
Franciscan Mission of Legnano
Cerith Gardiner
Gustatevi la gioia di questi frati e suore francescani che ballan...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni