Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

I 10 Comandamenti spiegati con le vignette

WEB3-dieci-comandamenti-vignette
DIECI COMANDAMENTI;VIGNETTE;FUMETTI;BAMBINI;
Condividi
di Mauricio Montoya

I comandamenti sono un tema che si affronta nella catechesi per la Prima Comunione e per la Cresima, ma spesso vengono trattati in modo sommario. Nella vita del cristiano attuale, poi, si percepisce una certa deformazione in quanto alla conoscenza della legge di Dio.

È un tema fondamentale nella vita di fede. I 10 Comandamenti sono una serie di norme che rappresentano la legge di Dio. Sono stati consegnati a Mosè, e potremmo dire che siano un dono che Dio Padre fa a noi figli, perché il cammino verso la santità sia un po’ più facile.

Per questo vorrei condividere con voi una breve spiegazione di ciascuno di loro, accompagnato da immagini. È anche un modo creativo per spiegarlo ai più piccoli.

1. “Non avrai altro Dio all’infuori di me”

Se consultiamo il Catechismo della Chiesa, leggeremo che Dio ha creato l’uomo perché lo conosca, lo ami e lo serva. Rispettare questo comandamento significa semplicemente rispettare il proposito per il quale siamo stati chiamati.

Amare Dio al di sopra di tutto è saper compiere delle rinunce per Lui. Comprendere che nulla di superstizioso condiziona il mio futuro, che solo Dio è la cosa più importante per me, e che avere un buon rapporto con Lui fa sì che io abbia un buon equilibrio nella mia vita.

Questo comandamento implica il fatto di aver fede in Dio. La fede è la fonte della vita morale, e ci porta a rifiutare tutto ciò che è opposto a Dio. Implica anche il fatto di avere speranza, perché l’uomo deve sperare che Dio gli doni la capacità di amarlo e di essergli fedele. Implica infine la carità, perché la fede nell’amore di Dio deve portarci ad amare tutti gli uomini per mezzo di Lui.

2. “Non nominare il nome di Dio invano”

Regola l’uso della nostra parola nelle cose sante. Dio confida il suo nome a chi crede in Lui, e si rivela loro nel suo mistero personale. Il Catechismo ci dice che il nome di Dio ci viene dato come segno di confidenza e intimità, per cui non dev’essere usato male.

Confessare senza timore la fede, predicare ed evangelizzare con profondo amore Gesù Cristo e non promettere sull’onore e sulla fedeltà di Dio fanno parte di questo mandato.

3. “Ricordati di santificare le feste”

Celebriamo la domenica come il giorno della nuova creazione nella Resurrezione di Cristo. È il giorno in cui ci uniamo come comunità per celebrare una stessa fede in Gesù.

La domenica e i giorni di precetto, dimostriamo a Dio il nostro amore e la nostra fedeltà. Testimoniamo anche la nostra fede non permettendo che le attività lavorative o accademiche impediscano la nostra adorazione solo a Dio. Santificare le feste fa anche riferimento al riposo e alla condivisione in famiglia.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni