Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La ferula amazzonica offerta a Papa Francesco

Il Papa al termine della santa messa che ha chiuso, il 27 ottobre 2019, il Sinodo per l'Amazzonia
Condividi

Cosa si poteva fare di piú significativo che foggiare in forme amazzoniche uno dei piú forti e simbolici attributi peculiari del Papa? In occasione della Messa di chiusura del Sinodo per l’Amazzonia, Papa Francesco è comparso munito di una ferula in legno scolpito, opera di un artista di Bahia, uno degli Stati del Brasile amazzonico.

La ferula è un accessorio indispensabile dei pontificali papali. Da Paolo VI in qua, il celebre bastone liturgico è portato in ogni processione e in occasione delle benedizioni delle messe solenne. Papa Francesco ne ha utilizzati piú di una ventina, dall’inizio del suo pontificato, e molti di questi gli sono giunti come doni durante i suoi viaggi.

Lo scorso 27 ottobre, il Papa argentino era munito di una ferula assolutamente inedita: in occasione della messa di conclusione del Sinodo, il Papa si è presentato al baldacchino del Bernini in San Pietro con un bastone liturgico… amazzonico! Un simbolo forte, se si comprende il significato della ferula, che senz’alcun dubbio è l’attributo piú parlante del potere spirituale e temporale del Papa. Nel cuore della Chiesa, il pontefice delle periferie ha quindi scelto di collocare gli indigeni dell’Amazzonia, forse le persone piú isolate del pianeta, sul proscenio.

Realizzato piú di vent’anni fa da un artista della provincia di Bahia (Brasile), questa ferula è stata offerta al vescovo di Roma da mons. Franz Joseph Meinrad Merkel, vescovo di Humaità (Brasile). Scultura tortile, l’oggetto è sormontato da una croce, caratteristica della ferula, e offre alla vista dei volti indigeni. Ben visibile l’iscrizione JHS (abbreviazione del nome di Gesú in greco), scolpita in rilievo su un legno piú chiaro. Secondo alcuni testimoni, il Papa avrebbe promesso a mons. Merkel di utilizzare questo dono durante la messa conclusiva del Sinodo. Portando in processione questo bastone liturgico – agli antipodi dei codici estetici barocchi della Basilica Vaticana – davanti alle telecamere di tutto il mondo, il successore di Pietro manifesta cosí l’appartenenza specifica dell’Amazzonia alla Chiesa universale.

Antoine Mekary | ALETEIA

Non è la prima volta che il Papa argentino mette in luce una popolazione periferica attraverso questo attributo. Durante la messa delle Palme nel 2014, egli aveva aperto la Settimana Santa con una ferula scolpita dai detenuti della prigione di San Remo. Già nel 2013, anno della sua elezione, il successore di Pietro aveva toccato gli animi utilizzando una ferula fatta col legno di una barca di migranti naufragati.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni