Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

Consigli della Bibbia per affrontare le persone rudi

Woman Arguing
Shutterstock
Condividi

Immaginare situazioni e agire con cautela sono alcune delle misure che evitano i conflitti e preservano la buona convivenza

Chi non è mai stato sorpreso da una risposta o da un commento scomodo, inopportuno, duro o sgradevole?

Se conoscete a malapena il vostro interlocutore, potreste pensare che abbia una giornataccia e non lo abbia fatto apposta, ma se è qualcuno con cui vivete o lavorate o che comunque vedete spesso, quel tono o quel commento poco gentile viene interpretato come una mancanza di gentilezza che può anche minare il rapporto.

La verità è che, indipendentemente dal fatto che si tratti di un gesto isolato, scoprire che quella persona è in grado di esprimere commenti scortesi e aggressivi ci rende cauti, perché alla fin fine nessuno vuole essere oggetto di questo tipo di “aggressioni”.

Ma c’è un’altra questione: e se l’amico, il compagno o il parente in questione è una persona rude per natura e siete stati voi a rendervene conto troppo tardi?

Se è il vostro caso, vi suggerisco un cammino in cui valutare tutte le questioni psicologiche che coinvolgono il tipo di interazione che avete con l’individuo, per imparare ad affrontare meglio la situazione.

“La lingua dei saggi fa gustare la scienza, la bocca degli stolti esprime sciocchezze” (Proverbi 15, 2).

In questo contesto, bisogna far attenzione a questi atteggiamenti:

  • scherzare sull’aspetto altrui
  • essere eccessivamente sinceri
  • essere arroganti
  • sottovalutare gli altri
  • pensare di avere sempre ragione
  • arrivare tardi a impegni quando qualcuno ci aspetta
  • non usare espressioni com “Buongiorno”, “Per favore”, “Permesso” e “Grazie”

Nel dizionario online possiamo trovare vari significati della parola “sciocchezza”, alcuni dei quali si riferiscono all’atto ignorante, stupido, come dice la Scrittura. Ed è vero, perché ogni volta che agiamo in modo rude e stupido con i nostri amici e familiari ci sentiamo sciocchi e ce ne pentiamo.

Uno dei significati della parola “sciocchezza”, menzionata nel proverbio, è però “poca intelligenza”. Si deve infatti considerare che spesso la persona rude può non essere consapevole del suo cattivo comportamento, o anche non sentirsi affatto rude.

“I saggi fanno tesoro della scienza, ma la bocca dello stolto è un pericolo imminente” (Proverbi 10,14).

Che sia per mancanza di filtri e autocensura o per questioni culturali che portano la persona a credere che il suo gesto debba essere considerato uno scherzo, in molti casi la persona non ha la minima idea del fatto che le sue azioni possano ferire o mettere gli altri in una posizione scomoda.

Se questo diventa evidente per voi, la cosa migliore è ignorare il gesto o le parole del collega o del parente rude, e nel caso in cui stiate partecipando a una conversazione un’alternativa è cercare di abbreviarla il più rapidamente possibile.

“Una risposta gentile calma la collera, una parola pungente eccita l’ira” (Proverbi 15, 1).

Con persone di questo tipo, la cosa migliore è evitare il confronto o presentare idee opposte a quello che credono.

Se però la situazione sfugge al vostro controllo e la frustrazione è arrivata al limite, la cosa migliore è fare appello alla franchezza e dire alla persona quanto si sta comportando in modo rude. E fine del discorso.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni