Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

Orgoglio, indifferenza, egoismo… sapete riconoscere i vostri difetti?

MIRROR
Shutterstock | Dean Drobot
Condividi

Uno sguardo autocritico ci avvicina alla realtà e agli altri

A volte Gesù parla in parabole “per alcuni che presumevano di esser giusti e disprezzavano gli altri”.

Vuole che io impari a guardare con amore il debole, a riconoscerlo ferito e ad accorrere in suo aiuto. A cercarlo quando è stato disprezzato. Vuole che non mi creda giusto e già salvato.

A volte credo di fare le cose bene e di essere migliore degli altri. Mi sento sicuro e non voglio che mi tolgano nulla di quello che possiedo. Magari mi capita di pregare come il fariseo della parabola: “O Dio, ti ringrazio che non sono come gli altri uomini, ladri, ingiusti, adùlteri, e neppure come questo pubblicano. Digiuno due volte la settimana e pago le decime di quanto possiedo”.

Mi sento giustificato. Mi concentro con orgoglio sulle mie buone azioni. Non rubo né uccido, né commetto adulterio, né sono ingiusto. Mi credo santificato, giustificato per i miei meriti.

E guardo con disprezzo chi non è come me. I deboli, chi è caduto, i poveri, gli ignoranti, chi ha fallito e peccato pubblicamente.

Custodisco il mio tesoro in un vaso di creta pensando che sia d’oro, resistente. Quanta vanità c’è nei miei pensieri! Sto bene, penso, e gli altri no. Il violento sta male e io sono pacifico.

Può essere che con i miei atteggiamenti egoisti stia alimentando l’odio e la rabbia in altri? Può darsi, ma mi costa vederlo.

Vivo chiuso nelle mie cose. Dipendente dalle mie necessità. Vivo soddisfatto della mia vita. Sto bene, penso egoisticamente. Non bisogna cambiare nulla. Non devono togliermi ciò che ho e che mi spetta di diritto.

Ho il cuore malato. Un allenatore diceva del tennista che formava: “Bisogna avere un buon senso dell’autocritica, e ho sempre cercato di far sì che non si giustificasse mai o accampasse scuse”.

Vedo che mi accade spesso. Trovo delle scuse e non ritengo di aver mai agito male. Che debolezza, la mia! Non vedo la trave nel mio occhio ma vedo facilmente il peccato altrui. Leggevo giorni fa:

“La ragione umana è capace di scusare qualsiasi malvagità; per questo è tanto importante non fidarsi di lei”.

Ho ricevuto tanto nella vita, e ritengo che sia giusto. Altri hanno ricevuto meno, hanno dei pesanti fardelli, sono stati trattati ingiustamente. Ma non do importanza alla cosa.

Mi credo migliore di altri. Quando Dio mi ha dato più opportunità. Devo solo essere migliore e dare più di quello che ho ricevuto. Stare attendo al debole. Non voglio che mi cambino niente, perché mi sento in pace con me stesso.

Mi manca uno sguardo più autocritico. Gli altri vedono in me mancanze che io non vedo. L’orgoglio e la vanità mi accecano.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni